Ontario, con la pandemia
in 170.000 senza medico

di Mariella Policheni del 28 September 2022

TORONTO - Oltre 170.000 residenti dell’Ontario, durante i primi sei mesi di pandemia di Covid si sono ritrovati senza un medico di famiglia. È quanto emerge da uno studio, condotto da Unity Health Toronto e dall'istituto di ricerca senza scopo di lucro ICES.

Il numero di medici di famiglia che hanno smesso di lavorare è raddoppiato tra marzo e settembre 2020 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Lo studio ha rilevato che circa 385 medici su 12.000 hanno interrotto la loro pratica e che coloro che lo hanno fatto avevano maggiore probabilità di avere 75 anni o più e di occuparsi di meno di 500 pazienti. Secondo il rapporto questo equivale a quasi il tre per cento dei medici di famiglia praticanti dell'Ontario. I ricercatori affermano che in media, tra aprile e settembre circa l'1,6% dei medici di famiglia ha smesso di esercitare. "Quasi 1,8 milioni di abitanti dell'Ontario non hanno un medico di famiglia regolare - ha affermato la dottoressa Tara Kiran, autrice principale dello studio e medico di famiglia presso il St. Michael's Hospital of Unity Health Toronto - i nostri risultati suggeriscono che le cose peggioreranno, il che è davvero preoccupante perché la medicina di famiglia è la porta d'ingresso del nostro sistema sanitario".

Inoltre, i risultati suggeriscono anche che molti di questi sanitari si stavano avvicinando al pensionamento e hanno accelerato i loro piani durante la pandemia. Ma i ricercatori sottolineano anche che non si può provare che una causa diretta dell'esodo sia stata la pandemia e cita altri possibili motivi come problemi di salute, aumento dei costi della pratica a causa delle misure di prevenzione e controllo delle infezioni, calo delle entrate dovuto alla riduzione delle visite e il burnout. "Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere l'impatto a lungo termine sulle cure primarie e sull'accesso alle cure e l'impatto più ampio sulla salute della popolazione", recita lo studio.

I ricercatori hanno anche notato che mentre 385 sanitari non sembrano essere così tanti quando si guarda al numero complessivo di medici di famiglia in Ontario, "oltre la metà dei medici che hanno smesso di lavorare avevano pazienti formalmente iscritti nel loro elenco e hanno stimato che i medici si prendessero cura di oltre 170.000 pazienti”. "La carenza di medici di famiglia e altri fornitori di cure primarie è un problema complesso in tutto il Canada correlato all'invecchiamento di medici e pazienti, all'aumento dei pazienti e alla complessità del sistema, al calo di interesse per la medicina di famiglia tra i neolaureati e alla cattiva distribuzione della forza lavoro, che colpisce in particolare le aree rurali - ha affermato il dottor Rick Glazier, coautore dello studio - questi fattori preesistenti sono stati esacerbati dalla pandemia e richiedono cambiamenti fondamentali nel modo in cui siamo organizzati, pagati, supportati e forniamo assistenza".

I ricercatori quindi chiedono una rivalutazione del modello di pagamento per i medici di famiglia, affermando che il modello deve creare un reddito più prevedibile e fornire ai medici flessibilità. Suggeriscono inoltre di espandere i team di assistenza primaria per includere altri professionisti sanitari, inclusi assistenti sociali, farmacisti e infermieri.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.