LTC e Sanità, approvato
il controverso Bill 7

di Mariella Policheni del September 1, 2022

TORONTO - Detto fatto. Il governo conservatore dell’Ontario ieri ha usato la sua maggioranza per approvare il Bill 7, la controversa legislazione che consente il trasferimento dei pazienti anziani dall’ospedale a case di cura non di loro scelta su base temporanea.

Un disegno di legge, questo, che ha scatenato una valanga di critiche sia per la vaga formulazione della legislazione sia per il fatto che il governo ha scelto di non inviare il progetto di legge in commissione, il che significa che non è stato raccolto alcun feedback pubblico prima della sua approvazione. Come previsto, nessuno dei partiti di opposizione ha sostenuto questo progetto di legge.

Il ministro del LTC Paul Calandra ha affermato che il governo ha eliminato la fase delle consultazioni pubbliche a causa dell’urgente necessità di liberare posti letti negli ospedali, che negli ultimi mesi stanno affrontando pressioni senza precedenti, in gran parte a causa della carenza di infermieri.

La legislazione rientra in un piano più ampio, annunciato per la prima volta due settimane fa dal ministro della Salute Sylvia Jones, per alleviare le pressioni sul sistema sanitario.

Calandra ha affermato che l’invio di pazienti che necessitano di un "livello di assistenza alternativo" nelle case LTC aiuterà ad alleggerire questo onere. Secondo l’Ontario Hospital Association (OHA), fino al 17 agosto in ospedale c’erano 5.930 "pazienti di livello alternativo di assistenza" - quelli ritenuti non bisognosi di cure acute - di cui il 40% era in attesa di un posto nelle strutture di assistenza a lunga degenza.

La nuova normativa non consente di rimuovere i pazienti fisicamente costringendoli a trasferirsi in una casa di cura ma non è chiaro cosa potrebbe accadere se un paziente rifiutasse lo spostamento. I critici hanno affermato che un paziente che non vuole lasciare l’ospedale potrebbe essere costretto a pagare rette di degenza ospedaliera pari a quelle degli ammalati non coperti dall’assicurazione sanitaria che potrebbero raggiungere anche $ 1.800 al giorno. E al riguardo, dicono gli oppositori al Bill 7, manca chiarezza. Lo stesso premier Ford ha affermato che una tariffa di questo importo, considerate le circostanze sarebbe "assolutamente ridicola", ma che a calcolare quale sarà la somma da pagare saranno gli ospedali e Ontario Health. "Dovremo calcolare il costo e gli ospedali devono calcolare il costo - ha detto Ford - non sono io personalmente a fare i conti ma posso garantirvi al 100% che non si tratterà di $ 1.800".

Un’altra domanda, che al momento non ha risposta, è quanto lontano dalle loro case i pazienti potranno essere spostati. Ndp e liberali hanno ripetutamente affermato che nell’Ontario settentrionale i pazienti potrebbero essere spostati fino a 300 km dalle loro abitazioni mentre nella maggior parte dell’Ontario meridionale potrebbero essere trasferiti fino a 100 km di distanza, quelli che risiedono nelle città fino a 30 km dalle loro case.

Calandra e il suo ministero hanno finora rifiutato di rispondere con qualsiasi informazione specifica sulle distanze, affermando che questi elementi della legge sono ancora in discussione con le parti interessate. Calandra ha affermato, tuttavia, che verrà fatto ogni sforzo per mantenere i pazienti "il più vicino possibile" alle loro famiglie.

Il ministro ha promesso che i dettagli del Bill 7, chiamato “More Beds, Better Care Act”, verranno presentati nella legislatura entro una settimana.

Anthony Dale, presidente e ceo dell’Ontario Hospital Association, ha dichiarato di sostenere l’approvazione della legge, in quanto l’attuale numero di pazienti a livello alternativo di assistenza è il più alto che la provincia abbia mai visto. "Gli ospedali dell’Ontario stanno rapidamente diventando il fornitore di assistenza sanitaria di ultima istanza per migliaia di persone che hanno invece bisogno di accedere all’assistenza domiciliare, all’assistenza a lunga degenza e ad altri servizi. E questo non è appropriato per questi pazienti", ha affermato.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.