La marcia multireligiosa di solidarietà
chiede di porre fine all'islamofobia

di corriere canadese del June 15, 2021

LONDON - Quattro vite sono state spezzate ed un'altra è cambiata per sempre a causa dell'atto atroce commesso da un giovane uomo. Migliaia di persone hanno marciato per le strade di London, Ontario, venerdì scorso in un raduno multireligioso chiedendo la fine del razzismo e dell'islamofobia e per onorare le vittime uccise in un attacco anti-musulmano avvenuto la scorsa settimana. La marcia si è svolta nella stessa zona dove tre generazioni di una famiglia (nella foto sotto), Salman Afzaal (46), sua moglie Madiha Salman (44), la loro figlia Yumna Salman (15), il loro figlio Fayez Salman (9) e la madre di Afzaal Talat Afzaal (74), che erano usciti per fare una tranquilla passeggiata serale, sono stati invece investiti dal camioncino guidato dal ventenne Nathaniel Veltman. Di conseguenza, alla fine sono morti tutti, tranne il bambino.

L'autista del camioncino investitore è ora accusato di quattro capi di imputazione per omicidio di primo grado e uno per tentato omicidio, dopo che la polizia di London aveva affermato che la famiglia era stata intenzionalmente presa di mira perché musulmana.

La polizia non ha specificato perché ritiene che l'attacco sia stato motivato dall'odio, ma ha affermato di aver raccolto prove "da una varietà di fonti". E l'attacco è riecheggiato in tutto il Canada, con molti che hanno invitato i leader politici ad agire e porre fine all'islamofobia.

Prima della marcia, un dipendente del Thames Valley District School Board, Akram Kaiyan (nella foto sotto, a destra), ha detto: "questo è stato un incidente straziante". Lo stesso Kaiyan ha detto di sperare che la marcia invii un messaggio che "l'amore saprà sempre superare l'odio" e "non bisogna parlare, ma agire per riformare le politiche sociali e la legge può portare un cambiamento positivo in Canada, il Paese che amiamo”.

Allo stesso modo, Brian, un insegnante della Oakridge Secondary School - dove studiava una delle vittime, Yumna Salman - ha partecipato alla marcia con le sue due bambine, che portavano un mazzo di fiori, e ha detto: "Siamo qui solo per rendere omaggio", mentre la bandiera canadese sventolava a mezz'asta al vicino Oakridge Mall.

I partecipanti alla marcia cantavano e portavano cartelli su cui si leggeva "Siamo con #OurLondonFamily" e "Preghiamo per la nostra famiglia londinese" mentre si dirigevano alla Moschea musulmana di London, dove si è conclusa la marcia. Alla moschea, l'Imam Abd Alfatah Twakkal ha detto che la comunità sta ancora soffrendo, ma l'enorme sostegno che ha ricevuto negli ultimi giorni ha fatto la differenza nell'aiutare a guarire il dolore. "Questo è davvero l'inizio del lavoro che deve essere fatto per poter porre fine alle varie forme di odio che ancora esistono nei confronti delle nostre comunità" ha detto l'Imam.

Articolo e foto di Muhammad Ali Bukhari

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.