Inflazione e mutui,
i canadesi sommersi
di nuovo dai debiti

di Francesco Veronesi del 12 December 2022

TORONTO - Il repentino aumento del costo della vita alimentato dall’inflazione galoppante insieme alla crescita progressiva dei tassi d’interesse hanno prodotto un effetto devastante sui canadesi: il boom del debito. È questa la preoccupante istantanea scattata ieri da Statistics Canada, che in un rapporto mette in luce come anche nel terzo trimestre dell’anno corrente il debito a carico dei canadesi abbia subito un aumento. Secondo l’agenzia nazionale di statistica il debito del mercato del credito delle famiglie in percentuale al reddito disponibile è aumentato al 183,3% nel terzo trimestre, rispetto al 182,6% nel secondo trimestre.

In altre parole, Statistics Canada afferma che nel periodo preso in esame c’era $ 1,83 di debito del mercato del credito per ogni dollaro di reddito disponibile che le famiglie avevano nel periodo luglio-settembre. Il reddito è aumentato dello 0,8% nel trimestre, mentre il debito del mercato del credito delle famiglie è aumentato dell’1,2%.

Sommati i numeri presentati ieri dal StatsCan sono davvero impressionanti. Complessivamente - ci dice l’agenzia - il debito ipotecario ha raggiunto quota 2,07 trilioni di dollari mentre altre forme di debito si aggirano attorno ai 722,6 miliardi di dollari.

La somma di queste due cifre - 2,8 trilioni di dollari - nel terzo trimestre del 2022 è salita del 13,97% nel terzo trimestre, rispetto al 13,46% nel secondo trimestre. Mentre l’importo che i canadesi devono è aumentato, il valore delle loro attività è diminuito, causando un calo del patrimonio netto pro capite nazionale del 3,8% a 438,815 dollari.

Secondo StatsCan, è la prima volta dalla crisi finanziaria globale del 2009 (quando la ricchezza scese dell’8,5% dal picco al minimo) che il Canada ha visto un calo consecutivo della ricchezza delle famiglie.

"Poiché i canadesi dedicano una parte maggiore del loro reddito al servizio del debito, verranno fatte scelte difficili rispetto alla spesa discrezionale, che prevediamo sarà molto modesta l’anno prossimo".

Prima di quello di ieri, era stato un rapporto di Equifax Canada presentato la scorsa settimana a lanciare l’allarme sullo stato di salute delle finanze dei cittadini. Nel documento si metteva in luce come il debito totale del consumatori canadesi fosse salito a 2,36 trilioni di dollari nel terzo trimestre per un aumento del 7,3% rispetto allo scorso anno.

Il debito medio non ipotecario è salito a $ 21.183 per il livello più alto dal secondo trimestre del 2020, con i primi segni di tensione che iniziano a mostrare prestiti auto e carte di credito. Il debito complessivo non ipotecario si è attestato a 599,9 miliardi di dollari, con un aumento del 5,3% rispetto allo scorso anno e dell’1,9% rispetto al terzo trimestre del 2019, con un aumento del numero di mutuatari del 3,1%.

Secondo Rebecca Oakes, responsabile dell’analisi avanzata di Equifax Canada, l’aumento del debito deriva da una combinazione di crescita dell’immigrazione, spesa repressa e aumento dei prestiti poiché i consumatori sentono la pressione di un costo della vita più elevato. La spesa con carta di credito nel trimestre è aumentata del 17,3% rispetto allo scorso anno, raggiungendo il massimo storico per il periodo di tempo. La spesa media messa in carte di credito è stata di quasi 2.447 dollari, un salto del 21,8% rispetto al terzo trimestre del 2019.

Negli ultimi mesi, piccola consolazione, la corsa dell’inflazione sembra aver perso la forza propulsiva della prima parte dell’anno, mentre Bank of Canada potrebbe decidere di fermare la sua politica di rialzo dei tassi d’interesse inaugurata lo scorso febbraio.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.