Giù le restrizioni:
continua il pressing
sul governo Ford

di Francesco Veronesi del February 10, 2022

TORONTO - Pressing sul governo per allentare le restrizioni anti Covid e fare un altro passo verso quella che sarà la normalità post pandemica. Nelle ultime ventiquattrore numerose province canadesi hanno annunciato l’accantonamento di alcune misure di contenimento della pandemia, così come nel resto del mondo numerosi governi hanno deciso di eliminare alcuni provvedimenti attivati nella fase più acuta dell’ondata di Omicron.

Qui in Canada il premier dell’Alberta Jason Kenney ha annunciato l’eliminazione immediata della certificazione vaccinale necessaria per andare al ristorante e per accedere agli esercizi commerciali non essenziali. Via la mascherina - anche nelle scuole - per tutti i bambini dai 12 anni in giù: il premier dell’Alberta, inoltre, ha annunciato una tabella di marcia verso la normalità che però potrebbe essere bloccata nel caso in cui dovesse esserci una nuova impennata nelle ospedalizzazioni.

Anche il Saskatchewan ha scelto la strada dell’allentamento delle restrizioni anti Covid. Il premier Scott Moe ha confermato l’accantonamento del certificato vaccinale, mentre l’obbligo di uso della mascherina decadrà a fine mese. Più prudente la road map messa a punto in Quebec. Il premier Francois Legault ha confermato che un primo significativo allentamento delle restrizioni avverrà a partire dal 14 marzo, ma certificazione vaccinale e obbligo di mascherina al chiuso rimarranno ancora in vigore anche oltre quella data.

Contemporaneamente aumenta il pressing sul governo dell’Ontario per mettere a punto una nuova tabella di marcia sull’allentamento delle restrizioni.

L’esecutivo Ford, seguendo la linea del Chief Medical Officer Kiryan Moore, ha per ora scelto la strategia della prudenza, tenendo d’occhio i dati relativi alle ospedalizzazioni e ai ricoveri in terapia intensiva.

“Abbiamo scelto di essere cauti - ha detto ieri il ministro della Sanità Christine Elliott - continuiamo a seguire i numeri e le raccomandazioni dei nostri esperti.

Avvieremo un percorso di allentamento delle restrizioni non appena riterremo che sarà sicuro farlo. I dari stanno migliorando, i numeri stanno andando verso la giusta direzione, quindi la situazione è promettente”.

“Per ora - ha poi aggiunto - non abbiamo in programma di eliminare la certificazione vaccinale e le misure sulle mascherine, ma in futuro continueremo a valutare la situazione a seconda degli sviluppi della pandemia”.

Ieri un invito a voltare pagina è arrivato da Patrick Brown, che durante una conferenza stampa ha chiesto al governo di avviare una nuova fase nel percorso di riapertura dell’economia provinciale.

“Abbiamo bisogno - ha dichiarato il sindaco di Brampton - di una tabella di marcia più aggressiva, alla luce anche delle riaperture annunciate nelle province dell’Ovest. Ci sono delle ripercussioni per via della riapertura troppo lenta. Ci sono delle conseguenze reali per la nostra società: mentali, commerciali e così via. Dobbiamo rimetterci in piedi, come provincia e come Paese”.

Un sentimento, quello di Brown, condiviso da molti amministratori locali che chiedono al governo di accelerare sull’allentamento delle misure anti Covid.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.