Crisi cure domiciliari,
manca personale in Ontario

di Mariella Policheni del November 2, 2021

TORONTO - È una crisi profonda quella che sta attraversando il settore dell’assistenza a domicilio. Durante la pandemia di Covid-19 si è verificata una fuga mai vista prima di personale verso altre parti del sistema sanitario. “Abbiamo perso letteralmente oltre 3.000 tra infermieri, terapisti qualificati e operatori di supporto personale - ha affermato Sue VanderBent, ceo di Home Care Ontario, che rappresenta i fornitori di assistenza domiciliare in Ontario - e questa è una pessima notizia per gli abitanti dell’Ontario che stanno ricevendo assistenza domiciliare perché ora il numero è così ridotto che molte persone rimangono ad aspettare a casa un’infermiera o un terapista o un psw che non arriverà".

Mentre prima della pandemia l’organizzazione riusciva a soddisfare la stragrande maggioranza delle richieste - il 95% - attualmente riesce a farlo per il 60% di quanti necessitano questo tipo di assistenza.

La VanderBent non ha dubbi: il fuggifuggi degli operatori dell’assistenza domiciliare è stato dettato dalla migliore retribuzione negli ospedali e nelle case di cura a lunga degenza. “Circa 900.000 abitanti dell’Ontario ricevono assistenza domiciliare ogni anno - ha detto la ceo di Home Care Ontario - 730.000 nel sistema finanziato con fondi pubblici. Ciò significa che diverse centinaia di migliaia di persone in Ontario stanno ricevendo servizi di assistenza domiciliare ridotti o non ricevono alcuna assistenza”.

Samir Sinha, direttore della ricerca sulla policy sanitaria presso il National Institute on Ageing, ha affermato che la situazione dell’assistenza domiciliare “è terribile”. “Un’infermiera che lavora in un ospedale per cure critiche guadagna molto di più di un’infermiera che lavora in una casa di cura a lunga degenza che a sua volta guadagna molto di più di un’infermiera che lavora nell’assistenza domiciliare - ha detto Sinha - in questo momento stiamo constatando un’enorme smembramento della nostra forza lavoro nell’assistenza domiciliare. Il Covid-19 ha devastato il sistema di assistenza domiciliare”.

Secondo il dottor Sinha gli infermieri hanno lasciato l’assistenza a domicilio all’inizio della pandemia quando sono spuntati in tutta la provincia i centri per testare le persone per il Covid. La fuga è continuata quando erano necessarie infermiere per le cliniche di vaccinazione di massa e in seguito per il tracciamento dei contatti. “La paga in tutti questi posti di lavoro disponibili sul mercato per affrontare la pandemia di Covid è più alta di quella di un’infermiera che lavora in un sistema di assistenza domiciliare”, ha detto Sinha.

In un recente sondaggio commissionato da Home Care Ontario su oltre 1.000 persone di età pari o superiore a 55 anni, il 91% preferirebbe rimanere a casa se fosse disponibile un supporto aggiuntivo. Questi numeri assomigliano ai precedenti sondaggi del National Institute on Aging in cui la stragrande maggioranza degli intervistati di 65 anni e più ha detto di preferire la propria casa rispetto alle case di cura a lunga degenza.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.