Aumento dei tassi,
cresce il fronte del no
“Ne risentiranno imprese e famiglie”

di Francesco Veronesi del 25 January 2023

TORONTO - Per quasi un anno abbiamo ripetuto a memoria il mantra di Bank of Canada: “Per rimettere sotto controllo l’inflazione dobbiamo alzare i tassi d’interesse”. Dal marzo 2022 ogni mese la Banca Centrale ha ritoccato verso l’alto il tasso di sconto e questo è avvenuto con il consenso generale di economisti ed esperti, in un contesto nel quale si assisteva all’impennata dei prezzi e all’aumento repentino del costo della vita nel nostro Paese. Ora lo scenario è profondamente mutato.

Oggi Bank of Canada dovrebbe annunciare l’ennesimo aumento del costo del denaro, con il tasso di sconto che aumenterà dello 0,25 per cento e si attesterà al 4,50 per cento, quattro punti percentuali in più rispetto al febbraio dello scorso anno. Ma il consenso tra gli economisti non c’è più, anzi il fronte del no è aumentato nelle ultime settimane anche alla luce dei nuovi dati, che confermano come la corsa dell’inflazione si sia ormai esaurita e di come, allo stesso tempo, l’aumento dei tassi d’interesse inizia a pesare troppo sulle tasche delle famiglie e sulle imprese canadesi. Perché la strategia monetaria di Bank of Canada ha avuto come effetto collaterale l’aumento dei mutui a tasso variabile e delle linee di credito, con un grave danno anche per il settore imprenditoriale che ha dovuto rallentare sul fronte degli investimenti.

Per la prima volta in quasi un anno, non c’è un solido consenso tra coloro che osservano la banca centrale sul fatto che un altro rialzo debba essere necessario per forza. Gli effetti della politica monetaria della Banca centrale si sono sentiti anche nel mercato immobiliare, dove i prezzi medi sono scesi del 20 per cento da febbraio. Anche altre forme di debito al consumo, come le carte di credito, stanno raggiungendo livelli record mentre i canadesi lottano per adattarsi a prezzi più alti per quasi tutti i beni.

Anche così, i rialzi dei tassi sono finora riusciti solo a far scendere l’inflazione da un massimo di 40 anni superiore all’8 per cento la scorsa estate al 6,3 per cento il mese scorso.

I dati da dicembre - è questo il ragionamento degli economisti che fanno parte del fronte del no - hanno mostrato un’economia che si sta indebolendo, con il PIL del Canada cresciuto solo di circa l’uno per cento nel quarto trimestre del 2022. Questo è ben al di sotto della media del tre per cento per il resto dell’anno. Gli aumenti salariali e i numeri sull’occupazione dipingono un quadro simile.

Anche un paio di rapporti della banca dell’inizio di questo mese vanno verso questa direzione, con la maggior parte dei consumatori e delle imprese e che ora si aspettano che l’economia entri in recessione quest’anno. In genere ci vogliono da sei mesi a un anno perché il pieno impatto dei rialzi dei tassi si faccia sentire comunque: l’economia non ha ancora sentito appieno l’impatto dei sette rialzi dei tassi nel 2022 e sta già lottando.

Un recente sondaggio ha rilevato che i canadesi hanno ridotto la spesa per un’ampia varietà di beni e servizi in risposta agli aumenti dei tassi di interesse e all’inflazione, e una quota crescente prevede di continuare a tagliare. E lo studio sulla fiducia delle imprese condotto dalla Banca ha anche rilevato che le aziende stanno ritirando i piani perché si aspettano un rallentamento delle vendite. Secondo il sondaggio sulle prospettive aziendali, due terzi delle imprese prevedono una recessione nei prossimi 12 mesi.

Lo scenario più probabile, quindi, è quello che vede il nuovo rialzo dei tasso annunciato oggi seguito da un periodo di stabilità, per poi un progressivo calo alla fine dell’anno in corso.

Se ci sarà una lieve recessione "tecnica" – due trimestri consecutivi di contrazione del PIL – potrebbero non esserci molti posti di lavoro persi. Ma una recessione più profonda secondo numerosi economisti potrebbe significare che 300.000 persone perderanno il lavoro e il tasso di disoccupazione raggiungerà il 9 per cento.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.