Allarme Omicron,
da domani nuove misure

di Mariella Policheni del January 4, 2022

TORONTO - A partire da domani, gli studenti torneranno all'apprendimento virtuale e l'Ontario tornerà a una Fase due modificata del suo piano di riapertura, con la chiusura di ristoranti al coperto, palestre, teatri e con limiti di capienza inferiori in altri contesti. L’altolà alla tabella di marcia è stato annunciato ieri dal premier Doug Ford in risposta alla variante Omicron che nelle ultime settimane sta causando un numero record di casi. “Come sapete, al pari di altre province e paesi del mondo, il numero dei contagi di Omicron sta aumentando esponenzialmente in tutto l’Ontario. Nei prossimi giorni e settimane affronteremo uno tsunami di nuovi casi. E mentre lo facciamo, praticamente tutti nella nostra provincia conosceranno qualcuno che è stato esposto a questo virus", ha detto Ford.

Nel frattempo gli studenti dopo le vacanze di Natale non rientreranno domani in classe come annunciato qualche giorno fa ma passeranno alla didattica a distanza almeno fino al 17 gennaio. “So che questa non è la notizia che tutti vogliono sentire, ma con la nuova variante la situazione cambia ogni singolo giorno. Il livello di assenteismo a cui stiamo assistendo in altri settori ci dice con assoluta certezza che far funzionare le scuole, garantire che gli insegnanti siano al lavoro e non abbiano nostalgia della propria casa sarà una sfida che non possiamo vincere a breve termine”, ha affermato.

Il governo afferma che le scuole, tuttavia, saranno aperte per assicurare, ad esempio, l'istruzione di persona per gli studenti con bisogni educativi speciali e per il personale che non è in grado di fare lezione da casa.

Inoltre, il governo afferma che durante questo periodo, l'assistenza gratuita all'infanzia sarà assicurata ai bambini in età scolare degli operatori sanitari e di altri lavoratori in prima linea.

Le misure della fase due che entreranno in vigore domani includono la chiusura di ristoranti al coperto, palestre, teatri, la limitazione delle riunioni sociali al chiuso a cinque persone e le riunioni all'aperto a 10 e il limite della capienza del 50% per matrimoni, funerali, servizi religiosi e punti vendita. Saranno comunque consentiti i pasti all'aperto con restrizioni, asporto, consegna a domicilio e drive through. Anche i limiti di capienza per i servizi di cura personale, compresi i saloni di bellezza e per la cura delle unghie, saranno ridotti al 50%.

Da domani entrerà in vigore anche la chiusura delle strutture sportive e ricreative indoor e delle palestre, ad eccezione degli atleti che si allenano per le Olimpiadi e le Paralimpiadi e di alcuni campionati sportivi professionistici e dilettantistici d'élite. Le strutture all'aperto possono rimanere operative ma non possono superare il 50% della capienza.

Il governo afferma che le misure rimarranno in vigore per almeno 21 giorni fino al 26 gennaio, a meno che a causa dell’evoluzione della situazione e dopo aver consultato il Chief Medical Officer of Health della provincia Moore, non vengano modificate.

Ford ha messo in chiaro che le chiusure sono necessarie per evitare ulteriori pressioni sul sistema sanitario che si sono verificate durante la terza ondata della pandemia. “Ma sia chiaro, queste chiusure saranno mirate e saranno limitate nel tempo. L'obiettivo immediato di queste misure sarà quello di contenere l'ultima ondata in modo da poter allentare la pressione sui nostri ospedali e concedere più tempo per fornire queste importanti dosi di richiamo - ha affermato Ford - so che questa è la notizia che nessuno vuole sentire. Ma con la nuova variante, lo scenario cambia ogni giorno”.

Per sostenere ulteriormente il sistema sanitario, a partire da domani gli ospedali devono sospendere tutti gli interventi chirurgici e le procedure non urgenti al fine di preservare l'assistenza critica e le risorse umane. “So che tutti sono stanchi, soprattutto dopo un periodo festivo difficile. Ma sulla base dei dati, delle prove emergenti su Omicron e di ciò che i nostri partner ospedalieri stanno sperimentando sul campo, queste misure aggiuntive limitate nel tempo sono necessarie per preservare la nostra capacità ospedaliera mentre acceleriamo la somministrazione della dose di richiamo", ha affermato la ministra della Salute Christine Elliott.

Ford ha riconosciuto che molti residenti saranno costernati dalle restrizioni più severe annunciate ma ha ribadito quanto siano necessarie per combattere il ceppo Omicron. “Queste decisioni deluderanno senza dubbio le persone. Infastidiranno alcune persone e ne fanno arrabbiare altre. Capisco tutte queste reazioni. Come premier, queste sono le decisioni più difficili che prenderò, ma stiamo seguendo i dati. E la realtà è questa, Omicron si sta diffondendo a macchia d'olio”.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.