Addio all’ex premier Bill Davis

di Joe Volpe del August 9, 2021

TORONTO - Era più grande della vita.

Se una figura politica viene misurata in base alla sua influenza sulla provincia, Bill Davis emergerà sicuramente come uno dei veri padri di una moderna società dell'Ontario. Da studente universitario laureando, lo ricordo come un avvocato di provincia profondamente immerso nella politica ultraconservatrice di un Ontario ancora molto dipendente da un'economia basata sull'agricoltura sostenuta da una Toronto incentrata sul settore manifatturiero.

La sua base di partenza era allora la "assonnata" Brampton, 55.000 abitanti. Il Family Compact e l'Orange Order, i suoi principali sostenitori, non guardavano con buon occhio a quei nuovi immigrati del dopoguerra dall'Europa che non erano britannici.

Bill Davis ha comunque prevalso. Sarà ricordato per sempre, nella mia mente, per la revisione dell'istruzione incentrata su abilità, competenza accademica, sviluppo dei cittadini, crescita di una cittadinanza preparata a competere a livello globale e preparazione di ogni studente per il posto di lavoro a qualsiasi livello di competenza accademica.

Il sistema del Community College che molti della mia generazione inizialmente non hanno apprezzato è stato identificato con il suo "genio"; così come la serie di programmi di apprendimento di base messi a disposizione lungo la linea della metropolitana di Bloor St appena creata per i ragazzi che aspettavano solo di compiere sedici anni per poter andare al lavoro. Forse a causa delle sue politiche economiche o a causa del boom dell'immigrazione del dopoguerra c'erano posti di lavoro che chiedevano di essere occupati.

L'avvocato Davis è passato da ministro della Pubblica Istruzione a Premier. La sua volontà di ricercare nuovi partner per il governo e di ricercare soluzioni nel mercato del lavoro lo ha portato in contatto con la comunità italocanadese allora in rapida crescita. Ha viaggiato con loro in viaggi politici in Italia e ha ricevuto un'accoglienza da "rockstar", anche se non è stato in grado di conquistare l'amore degli italiani che sembravano preferire i candidati NDP e liberali. Non lo ha turbato: era il Premier di tutti, della gente.

Altri potrebbero essere in grado di indicare le sue infrastrutture di lunga durata e i programmi di costruzione di strade che hanno modellato il sistema di trasporto che oggi pensiamo sia apparso dal nulla. Il suo intervento nel 1972 ha permesso la creazione di Villa Colombo e delle agenzie di servizi che ha generato.

A metà del 1970, lui e il cardinale Carter vennero da p. Henry Carr S.S. dove ero un amministratore di medio livello. Da un punto di vista personale, i giovani come me, impazienti di ciò che vedevamo come una continua discriminazione nei confronti dei cattolici nei sistemi scolastici, hanno cercato incarichi elettivi per altri partiti (1981). Abbiamo sbagliato. Quando, nel 1983, ha finalmente risolto il nodo gordiano del finanziamento equo per il Sistema delle Scuole Separate, l'anno prima del suo ritiro, non potevamo che esultare e ringraziare.

Non aveva finito. Il suo coinvolgimento negli affari canadesi fu continuo e deferente.

Negli anni '80 si dimostrò un fedele sostenitore dei federalisti nella campagna per mantenere unito il Paese, così come era stato fondamentale per il rimpatrio della Costituzione da parte di Pierre Trudeau. Era un vero canadese. Anche se non ho mai condiviso un pranzo con lui, sia come deputato che come ministro di Gabinetto, ogni volta che eravamo in un incontro insieme mi impegnavo a sottolineare la sua presenza. È il minimo che si possa fare per uno che ha contribuito molto. Possa riposare in pace.

Nella foto, Bill Davis (Wikipedia)

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.