CorrCan Media Group

Tory: “Il futuro chief ? Sensibile al razzismo”

Tory: “Il futuro chief ? Sensibile al razzismo”

Tory: “Il futuro chief ? Sensibile al razzismo”

TORONTO – La sensibilità verso il razzismo contro le persone di colore e contro gli indigeni e l’impegno a inaugurare cambiamenti nelle policy saranno i prerequisiti richiesti quando verrà il momento di scegliere il prossimo chief della polizia di Toronto.

È quanto ha affermato il sindaco John Tory (nella foto): «Chiunque succederà a Mark Saunders come capo della polizia dovrà impegnarsi ad apportare cambiamenti nella polizia e ad afrontare il razzismo e le discriminazioni – che sono ancora molto presenti nella nostra città – contro i neri», ha detto il primo cittadino di Toronto.

Proprio oggi il consiglio comunale dovrebbe prendere in considerazione una proposta di Tory per introdurre numerosi cambiamenti nel sistema di policing della città, inclusa la creazione di un “modello alternativo di sicurezza della comunità” che ridurrebbe la necessità per gli agenti di rispondere alle chiamate che coinvolgono persone in crisi.

Le raccomandazioni di Tory non richiedono un taglio dei fondi destinati alla polizia, una richiesta che nelle ultime settimane è diventata un grido di battaglia dei Black Lives Matter: Tory ha detto di accarezzare invece l’idea di “sfrondare” la lista dei compiti assegnati alla polizia piuttosto che tagliare il budget destinato alla forza dell’ordine.

Quel che il sindaco di Toronto vorrebbe è che gli agenti mantengano una mente aperta il più possibile. «Bisogna soppesare tutte le diverse considerazioni, ma occorre iniziare con input pubblici e penso questo possa prendere il via con qualcuno che si impegnerà per i tipi di cambiamenti che il consiglio comunale, il chief e il board hanno indicato che intendono fare – ha detto Tory – se c’è qualcuno che non vuole apportare quel cambiamento, allora il cambiamento in questione non diventerà mai realtà».

Saunders, che è stato il primo capo nero della polizia della città nel 2015 con il mandato di modernizzare e semplificare il servizio, avrebbe dovuto rimanere al comando della polizia fino ad aprile ma si è dimesso e il 31 luglio sarà il suo ultimo giorno da capo. Sarà il vice chief James Ramer a fungere da capo ad interim del servizio di polizia di Toronto dal 1ºagosto.

Il suo addio significa che il Toronto Police Services Board dovrà ora scegliere un nuovo capo, proprio mentre al contempo vengono contemplati importanti cambiamenti nel modo con cui le policing vengono implementate nella città.

A questo punto il processo di selezione del nuovo capo del TPS rimane poco chiaro, sebbene la mozione di Tory che verrà discussa oggi richieda lo “sviluppo di un rigoroso processo di consultazione della comunità per conoscere i criteri necessari per la selezione del prossimo capo della polizia.

«La prima cosa che faremo è coinvolgere i cittadini e scoprire nel contesto di alcuni dei cambiamenti e delle riforme di cui stiamo parlando che tipo di persona dovremmo prendere in considerazione – ha detto Tory – avere una idea quale tipo di background dovrebbe avere. Qualcuno ha suggerito che dovremmo cercare qualcuno completamente fuori dagli schemi… ecco questo è esattamente il tipo di input al quale dobbiamo dare ascolto».