CorrCan Media Group

Toronto, una città che si sviluppa verso l’alto

Toronto, una città che si sviluppa verso l’alto

Toronto, una città che si sviluppa verso l’alto

TORONTO – A Toronto i grattacieli stanno spuntando davvero come i funghi, almeno da dieci anni a questa parte. Toronto è difatti in procinto di salire ulteriormente nelle classifiche per la maggior presenza di grattacieli tra le città del Nord America, grazie ad un boom edilizio che sembra non mostrare segni di crisi.

Con 67 grattacieli, al momento Toronto – la più grande città del Canada – risulta essere al terzo posto, in tutto il continente, per edifici alti almeno 150 metri, secondo le stime fatte da Bloomberrg.

Ma ci sono altri 31 colossi in costruzione ed ulteriori 59 tuttora in fase di progetto. Toronto supererà così Chicago – che vanta 126 grattacieli, con altri 19 in costruzione o in progetto – secondo il rapporto del Council on Tall Buildings and Urban Habitat.

Tutto ciò non dovrebbe sorprendere, considerato che la scorsa estate è stato annunciato che Toronto è stata la sede della maggior parte delle gru in Nord America, secondo l’ultimo RLB Crane Index , un rapporto sul numero di gru edili presenti nelle principali città canadesi e statunitensi.

Attualmente, Hong Kong si colloca al primo posto in tutto il mondo – per la presenza di grattacieli – con 354 torri abitative ed altre in arrivo. La segue New York City, con 284 edifici superiori ai 150 metri di altezza già completati.

A Toronto “abbiamo 80 nuovi progetti per la costruzione di grattacieli residenziali e ad uso misto (con uffici, ndr), 31 dei quali hanno già prefissata la data del loro completamento” secondo i dati messi a disposizione dal TREB, il Toronto Real Estate Board.

Tra le nuove torri che svetteranno nel cielo di Toronto sono previste anche numerose cosiddette “supertalls”, soprannome dato a quei grattacieli di altezza superiore ai 300 metri. Le nuove strutture verticali faranno impallidire i 290 metri del First Canadian Place, attualmente l’edificio più alto in tutto il Canada.

The One, un grattacielo che sorgerà all’1 Bloor West e già in costruzione, sarà l’edificio più alto del Canada con i suoi 306 metri dal suolo ed il cui completamento è previsto per il 2023.

Il grande sviluppo verso l’alto della città giunge in un momento che vede una parallela carenza di alloggi a Toronto. Il costante aumento della popolazione che risiede in città necessita la costruzione di palazzi, torri condominiali e grattacieli in grado di soddisfare la crescente domanda. Ma questo divario tra domanda ed offerta corrisponde purtroppo un continuo rialzo dei prezzi di affitto negli appartamenti in condominio, divenuti oramai per molti insostenibili.

Con la cronica mancanza di alloggi e la continua loro richiesta, l’esperto del settore immobiliare, Daniel Freeman sostiene che l’unico modo per farvi fronte, a Toronto, sia quello – da parte degli imprenditori edili – di “costruire verso l’alto”.

Non solo single sono coloro i quali abitano in torri e palazzi, ma – di recente – si registra anche un aumento di coppie e famiglie che scelgono di vivere in grattacieli piuttosto che in case unifamiliari o bifamiliari.

Secondo il censimento del 2016 di Statistics Canada, quasi il 44% dei residenti di Toronto viveva in una qualche forma di appartamento.