CorrCan Media Group

Ford Nation: tagli all’istruzione e alle scuole pericolanti

Ford Nation: tagli all’istruzione e alle scuole pericolanti

TORONTO – Estate impegnativa per il nuovo governo della Ford Nation, impegnato con manovre di cambiamento su diversi fronti.
Durante la seduta parlamentare di mercoledì scorso, facendo riferimento ad una lettera inviata al ministro provinciale per la Pubblica Istruzione, Lisa Thompson (nella foto), da un’organizzazione “Fix our schools”, il deputato ndippino di Parkdale-High Park Bhutila Karpoche, ha portato in evidenza la cancellazione di un contributo di 100 milioni di dollari, stanziato per riparazioni dei siti scolastici.
Il taglio è una delle conseguenze della decisione del premier provinciale Doug Ford in merito all’eliminazione del sistema cap-and-trade, promossa durante la sua campagna elettorale.
Tra le righe della lettera in questione si legge: “Chiediamo a lei e al suo governo di dare la priorità alle scuole tra le infrastrutture con criticità e prendere le misure necessarie per assicurare che i danni pari a 15,9 miliardi di dollari, in tutte le scuole finanziate pubblicamente dell’Ontario, vengano eliminati e che le scuole siano edifici sicuri, sani e ben curati, con ambienti favorevoli all’apprendimento e al lavoro”.
Karpoche ha continuato il suo intervento prendendo ad esempio il Runnymede Collegiate Institute, una scuola superiore che ha definito bisognosa di 15 riparazioni urgenti e 64 in generale, come esempio di un problema più ampio.
“Queste riparazioni includono bruciatori per l’acqua calda, coperture del tetto e un telaio strutturale vecchio 90 anni – urgente, intendendo ora”, ha detto.
“Gli studenti e le famiglie di Runnymede Collegiate non possono permettersi di aspettare, mentre questo governo fa tagli prima e promette dopo”.
Mentre rispondeva alle domande dell’opposizione, la Thompson incolpava il precedente governo per lo stato delle scuole, affermando che i risultati attuali sono quelli che hanno lasciato in eredità i quindici anni di governo liberale, sostenuti dall’NDP.
“Stiamo affrontando le esigenze di ristrutturazione delle nostre scuole. – ha sostenuto il ministro alla Pubblica Istruzione – Vedrete che questo governo metterà sempre gli studenti al primo posto”.
Intanto la settimana scorsa, Doug Ford ha apportato un altro giro di vite al sistema didattico, cancellando dei seminari estivi relativi all’istruzione, tra i quali anche quelli di formazione sulla lingua dei segni americana (utilizzata dai sordi) e sulle lingue indigene nelle scuole materne.
Gli educatori hanno appreso la notizia pochi giorni prima dell’avvio delle sessioni, tramite un’email inviata dal ministero della Pubblica Istruzione.
Ben Menka, portavoce del ministro Thompson ha dichiarato che anche quello della Pubblica Istruzione intende mantenersi in linea con le direttive del premier Ford, che per portare avanti il goveno in maniera più efficiente, indica a tutti i ministeri il congelamento delle spese discrezionali, intraprendendo iniziative nel modo più economico possibile.
Per questo motivo è stato anche cancellato un laboratorio di matematica per docenti.
Anche in questo caso gli insegnanti sono rimasti sconcertati, considerando queste manovre del governo conservatore, dannoso per il curriculum e la preparazione degli studenti.

More in Toronto