CorrCan Media Group

Colpo al traffico di armi e droga per $700mila

Colpo al traffico di armi e droga per $700mila

TORONTO Droga e armi in  quantità sono state sequestrate  dalla polizia di Toronto a seguito  di una indagine che ha inferto un  colpo significativo a un gruppo locale di criminalità organizzata.

È  di oltre 700mila dollari il valore  della droga sequestrata nell’ambito dell’investigazione denominata “Project Moses” che è iniziata  nell’ottobre del 2018 e si è concentrata su un giro di traffico di stupefacenti che operava in tutta la  GTA.

Nell’operazione un uomo è stato fermato mentre altri due sono  ricercati. Il 14 e il 15 febbraio la polizia ha eseguito numerosi mandati di perquisizione a Toronto ed uno ad Ottawa.

L’esito delle perlustrazioni è stato un vero bottino: ben 2,5 chilogrammi di cocaina, un chilo di fentanil, mezzo chilo di eroina e due chilogrammi di  marijuana.

Ma non solo. La polizia ha rinvenuto anche sei pistole,  un fucile d’assalto, oltre 1.000 colpi di “munizioni di grosso calibro”  e 60mila dollari in contanti. 

Droghe e armi, ha sottolineato  l’ispettore Steve Watts, sono state  scoperte in scomparti segreti creati nei veicoli e nei mobili artigianali, fatti su misura per nascondere droga e pistole.

«Da molto tempo notiamo nei veicoli questo sistema per celare materiale illegale, ma in questo caso abbiamo notato un numero maggiore di scomparti, nel medesimo veicolo si possono trovare scompartimenti doppi e tripli» ha aggiunto Watts.

Il sequestro di stupefacenti diversi, per un valore complessivo di 700mila dollari, è già di per se un indizio circa l’imponente giro di affari illegali del gruppo criminale.

«Ai trafficanti di un certo peso viene assegnato facilmente un quantitativo di droga significativo ha detto l’ispettore Watts di particolare preoccupazione, secondo me, è la quantità di armi.

Il trasporto di armi nei veicoli, in compartimenti facilmente accessibili, potrebbe facilmente “trasformarsi in una sparatoria o in un omicidio».

L’origine delle pistole non è ancora nota ma gli investigatori stanno lavorando per scoprirla. Inoltre nessuno dei tre sospetti era in possesso di un porto d’armi.

Il sospetto già in custodia della polizia di Toronto, che si è avvalsa della collaborazione di quella di Ottawa per sgominare la banda, è un residente della capitale: la sua comparizione in tribunale è prevista per il 20 febbraio.

Per riuscire ad assicurare alla giustizia gli altri due uomini la polizia ha intenzione di emettere presto un mandato di cattura in tutto il Canada. Il colpo inferto alla organizzazione è pesante.

«Direi con certezza che è un attacco considerevole conclude Watts perdere una quantità così grande di stupefacenti e un numero così alto di armi da fuoco vuol dire che il gruppo ha subito una mazzata di non poco conto».

More in Toronto