CorrCan Media Group

TCDSB, meglio costruire che insegnare

TCDSB, meglio costruire che insegnare

Foto: Loretto Abbey C.H.S
 
TORONTO – I custodi delle istituzioni politiche (“trustees”) e i burocrati (funzionari in carriera) devono proteggersi contro il prendere decisioni estrose e insostenibili con il denaro degli altri (i contribuenti). E non è sempre così facile.
La tentazione di fare qualcosa di stupido – senza evidenziarlo troppo – c’è continuamente.
Per fortuna, ci sono sempre uomini e donne capaci di “fare un passo indietro” da ciò (che sta diventando) ingiustificabile.
È quello che uno si aspetta da un’organizzazione che applica buoni metodi di governance, o, eventualmente in organizzazioni “fondate su valori” come i provveditorati cattolici, di sani principi etici.
Per prima cosa,  hanno bisogno di rivalutare le premesse alla base delle loro decisioni originali: hanno esse fondamenta nelle previsioni per il futuro e piani strategici affidabili, basati sui fatti? 
E per seconda, le decisioni originali reggono un confronto oggettivo?
La Dante Alighieri Academy, nella classifica del Fraser Institute per le scuole, si trova al quarto posto degli istituti superiori (per le classi 9 e 10) tra i peggiori del TCDSB con un punteggio di 4.9 su un massimo di 10 punti. 
È soltanto 572esima tra tutte le scuole dell’Ontario. Il 31.2% dei suoi studenti sono valutati tra quelli con difficoltà di apprendimento. Necessita di strategie didattiche per sopperire alla debole qualità pedagogica.
Per tutta risposta, la trustee Maria Rizzo preferisce costruire un’altra Dante Alighieri a poco più di cinquanta metri di distanza a nord del sito attuale. 
Servirà come bacchetta magica – quando e se verrà costruita nei prossimi due anni – per sollevare i risultati accademici da terra. O, sarà necessaria un’altra generazione di studenti, più “brillanti”, più diretti a mirare in alto, accademicamente aggressivi (alcuni, forse, dotati di un permesso di studio che generi un’entrata economica).
La Provincia ha stanziato 32.8 milioni di dollari per il progetto, autorizzando, nel dicembre 2012, un partenariato con la VCI che consentirebbe l’uso in comune di una struttura del valore di 50 milioni di dollari. 
Il Direttore all’Istruzione di allora era un certo Bruce Rodrigues, ora vice Ministro dell’Istruzione ed ex collega dell’attuale Direttore Rory McGuckin.
Al principio, nel 2011 era stata prevista una cifra di 16.4 milioni per la “ristrutturazione”. Ora il totale del progetto comune è del valore di 74 milioni di dollari, secondo il Presidente della VCI Anthony DiCaita. “Stima dei costi o preventivo” si ipotizza, com’è tipico dei progetti finanziati dal governo.
Vediamo se i conti tornano. La VCI ha inviato una domanda all’Ontario Infrastructure Fund per il finanziamento della sua metà della spesa complessiva. 
Pare che dopo la costruzione non possiederà il plesso. Nessuno è pronto a fornire dettagli, evidentemente neanche ai fiduciari del TCDSB.
Ciò di cui invece si dispone è il rapporto 2011-2016 del Ministero dell’Istruzione Facility Condition Index (FCI) per ogni scuola. 
Più vicino a 100 è il valore del FCI per una struttura scolastica, più questa ha la possibilità di essere “ricostruita” perché – secondo quanto affermato da un’altra trustee, Patrizia Bottoni,  risulterebbe troppo “fatiscente e decrepita” per accogliere studenti.
La Dante Alighieri ha nel FCI il punteggio più alto del TCDSB, 86. 
A parte una serie di edifici messi “sotto naftalina” per uso o vendita futuri, (chiamati “College  Monsignor Fraser” per la formazione degli adulti) c’è solo un’altra scuola con un indice FCI superiore a 65. 
La Loretto Abbey, un’ex scuola convento, ora sito storico, che ha un FCI di 84.
La Abbey è stata fondata nel 1928, nonostante sia classificata con il “peso di un’età” pari a 49 anni. 
La Dante Alighieri è stata eretta nel 1976, con uno stile architettonico che si amalgamasse con quello dell’adiacente  Villa Colombo. 
“Il peso dei suoi anni” è/era nel 2015 di 53. A proposito, il “valore sostitutivo” della Dante è listato per 20,634,261 milioni di dollari. 
Si nota la generosita’ dei 32,8 milioni di dollari per la nuova edificazione.
Il “peso dell’età” della scuola elementare Regina Mundi, a fianco, costruita due anni prima, nel 1974, è stato calcolato a 38 pari alla sua stessa cifra del FCI e il valore sostitutivo è di 7,516,567 milioni di dollari. 
I suoi studenti, 403 bambini nel 2016, verranno spostati nella Dante Alighieri, fatiscente e decrepita com’è, secondo il piano presentato dalla trustee Rizzo e sostenuto dal direttore McGuckin. La Regina Mundi soccomberà poi sotto i colpi della palla demolitrice.
La St. Charles, un’altra scuola elementare d’origine per la Academy, appena ad est della Dante, con un valore sostitutivo di 7,832,246 milioni di dollari “porta un peso” di 59 anni – rispecchiando la data di costruzione del 1956, ma il suo FCI è di solo 25.
Bisognebbe fare un sopralluogo di tutte e tre le scuole pe capire l’ironia.
Nel 2012  tutto quanto descritto è stato giustificato con lo straripante numero di studenti della Dante, 1350 elementi. 
Circa 350 di loro sono stati trasferiti presso la Bathurst Heights Collegiate, (che ora si chiama John Polanyi) costruita nel 1954 e con un indice FCI di 65.
Molti studenti vengono da altre zone perché il TCDSB ha avuto la necessità di sistemare quei ragazzi trasferiti dalla loro scuola a sud di St. Clair che veniva riadattata.
Nel 2016 la Dante contava 968 studenti, che a settembre 2017 erano scesi a circa 900. Il 31.6% di loro aveva bisogno di un corso di inglese come seconda lingua. Il progetto della joint venture prevede una scuola che ospiterebbe dagli 850 ai 950 iscritti. 
Nessuna traccia di proposte per risolvere i problemi accademici evidenziati.
Nel 2015 l’allora presidente, il trustee Del Grande ha annunciato un deficit di bilancio pari a 41.5 milioni di dollari, ma ha sborsato ugualmente 41 milioni per l’acquisto di proprietà dove costruire la nuova Dante. 
È amico e alleato della fiduciaria Rizzo.
Insieme alla nuova Dante, ci saranno 3000 appartamenti residenziali e la somma di circa 1.5 miliardi di dollari. Ma nessuno studente con una migliore preparazione scolastica.
Sembra che la trustee Rizzo con la sua offerta abbia suggestionato il direttore McGuckin nel procedere e costruire. Ignoriamo il perchè.
Non siamo a conoscenza se il vice ministro Bruce Rodrigues avrà il coraggio di dire al suo ex collega che questo è un cattivo affare. E non sappiamo neanche se si e’ escluso dalle decisioni prese dal suo ex Board.
Al momento di andare in stampa non abbiamo ricevuto nessuna risposta.
 

Comments are closed.