CorrCan Media Group

“Perchè non tolgono i cartelli ReImagine?”

“Perchè non tolgono i cartelli ReImagine?”

TORONTO – Non solo di dimissioni nonostante le richieste da più parti non se ne parla, il board di Villa Charities Inc. si rifiuta anche di rimuovere i cartelli con la scritta “ReImagine”.  La fiducia della comunità nel board di Villa Charities Inc. che si era imbarcato nell’avventura con il Toronto Catholic School Board è a dir poco inesistente. Ora, sono in molti a notare che i cartelli che promuovevano il progetto continuano a rimanere dove erano stati sistemati per volere della gestione di VCI. «VCI ha formalmente ammesso di fronte al grande pubblico, ai media, ai membri del Columbus Centre e alla comunità del Columbus Centre in generale che il progetto congiunto di riqualificazione tra TCDSB e VCI è terminato – dice Vera Held, membro del Columbus Centre da lungo tempo e sostenitrice della lotta contro la sua demolizione – tuttavia è venuto alla mia attenzione che la direzione si rifiuta di togliere i cartelli, che ora sono insignificanti, con la scritta “ReImagine”».

Cartelli che si trovano all’esterno attorno al Columbus Centre, ma che sono presenti in gran numero anche all’interno dell’edificio. Il significato dell’ostinazione nel voler continuare a lasciare questa pubblicità a favore del progetto congiunto con la Dante Alighieri Academy rimane un mistero. O forse no.
Di certo spinge la comunità a porsi tante domande. «Il banner “ReImagine” nell’ingresso principale dell’edificio è ancora lì. Perché ci sono ancora materiali di promozione “ReImagine” affissi negli ascensori, le porte e sul pavimento del Columbus Center? Non riesco a capire perché sono presenti cartelli insignificanti che tengono lontani potenziali nuovi membri – continua la Held – il management deve accogliere i potenziali soci – e in massa – per aiutare a compensare i molti che abbiamo perso durante tutta la confusione che si è creata». 
Eliminare i cartelli con lo slogan che ha promosso il “community hub” durante i mesi passati, è secondo Vera Held, indispensabile per poter far partire la rinascita del Columbus Centre dopo mesi in cui è stato trascurato. «Inoltre, la gestione deve rimuovere i bottoni con la scritta “ReImagine” dalla reception, dal bancone della palestra e dalla caffetteria perchè questi creano ulteriormente scompiglio dove non dovrebbe essercene più – aggiunge la Held – la nostra comunità ha combattuto a lungo e duramente per impedire che il Columbus Centre venisse demolito. È ora che questa meravigliosa risorsa della comunità venga gestita in modo responsabile ed etico».
  Questo è l’auspicio della Held e della comunità che per evitare la demolizione del centro comunitario si è fatta in quattro. Potrebbero però pensarla in modo diverso i vertici di VCI che dopo designazione di Ford a leader del Progressive Conservative Party potrebbero sperare in una vittoria delle elezioni dei conservatori e auspicare che la decisione del ministro dell’Istruzione Naidoo-Harris venga ribaltata. Ed allora i cartelli “ReImagine” potrebbero tornare utili. 
In fondo, come ha detto Andreotti “a pensar male si fa peccato ma spesso ci si indovina”.

Comments are closed.