CorrCan Media Group

San Marino, doppietta italiana: vince Morbidelli davanti a Bagnaia

San Marino, doppietta italiana: vince Morbidelli davanti a Bagnaia

San Marino, doppietta italiana: vince Morbidelli davanti a Bagnaia

RIMINI – L’Italmoto continua a sorridere sul circuito di Misano Adriatico, grazie alla doppietta sul podio del GP di San Marino. A vincere è stato Franco Morbidelli, primo successo del pilota del team Petronas in MotoGP, davanti alla Ducati Pramac di Francesco Bagnaia.

Terzo posto per Joan Mir che riesce a be€are Valentino Rossi (4°) all’ultimo giro. Andrea Dovizioso, settimo al traguardo, è il nuovo leader del Mondiale.

Poteva essere un’altra magnifica tripletta italiana a Misano (dopo quella di Moto2, ndr) ed anche il 200° podio in MotoGP per Valentino Rossi. Il 41enne già nove volte campione del mondo ha difeso il terzo posto fino all’ultimo giro, poi però lo spagnolo Joan Mir, con la sua Suzuki, è riuscito a sorpassarlo a poche curve dal traguardo.

Ma è comunque stata grande gioia per l’Italia dei motori che ha sentito riecheggiare l’inno di Mameli in grande stile.

Vince dunque – dopo una gara dominata e guidata dal primo giro – il 25enne romano Franco Morbidelli che a Misano conquista anche il primo successo della propria carriera in MotoGP.

Quarto neo-vincitore della stagione (nella classe regina delle moto, non accadeva addirittura dal 1949, ndr) ’Morbido’ fa tutto bene, riuscendo a mettersi davanti a tutti grazie ad una partenza sprint.

La prima volta non si scorda mai, e se il primo successo arriva nel GP di casa è ancora più bello. Tra le curve di Misano – il centauro romano, ’figlio d’arte’ – fa tutto egregiamente dall’inizio alla fine riuscendo a conquistare il primo gradino del podio: “Ancora devo capire cosa è successo, sono molto felice e mi godo questo momento. L’unica cosa che posso fare è ringraziare la mia squadra, la famiglia e chi lavora con me” incluso il padre Livio, anch’egli centauro e deceduto per cause naturali nel 2013.

Prestazione super anche per Francesco Bagnaia, 23enne centauro torinese di nascita. Reduce da uno stop di un mese, dopo l’infortunio alla tibia a Brno, ’Pecco’ torna in grande stile conquistando il primo podio della giovane carriera in MotoGP.

Indiziato numero uno per sostituire Dovizioso in Ducati ufficiale, quella del pilota del team Pramac è una gara da incorniciare: partito 6° è riuscito a risalire la china, sorpassare e mettere la sua Desmosedici davanti agli inseguitori.

Sorrisi, seppur velati, anche per Andrea Dovizioso che al termine di questo fine settimana può finalmente guardare tutti dall’alto della classifica Mondiale. Settimo al traguardo, ’Dovi’ approfitta della doppia caduta di Quartararo per sorpassarlo nella classifica piloti e per continuare a sognare il titolo in una stagione orfana di Marc Marquez.

Per il francese scivolone al giro 8, con conseguente ripartenza dal fondo, poi un rientro ai box prima di tornare in pista dove al giro 22 ha deciso di alzare bandiera bianca dopo un’altra caduta.

Infine, il podio numero 200 della carriera in MotoGP sfugge ma è solamente rimandato per Valentino Rossi: ” Grande peccato non essere salito sul podio – ha detto il ’Dottore’ – farlo con Pecco e Franco sarebbe stato bellissimo”.

Classifica generale di MotoGP: 1) Andrea Dovizioso (ITA), Ducati – 76 punti 2) Fabio Quartararo (FRA), Yamaha – 70 punti 3) Jack Miller (AUS), Ducati – 64 p. 6) Valentino Rossi (ITA), Yamaha – 58 punti 7) Franco Morbidelli (ITA), Yamaha – 57 punti.