CorrCan Media Group

Donne&sport, una storia infinita di continue conquiste

Donne&sport, una storia infinita di continue conquiste

TORONTO – Lo sport è da sempre un mondo maschile e maschilista e le donne hanno dovuto faticare per conquistarsi il proprio spazio.

Lo sport un tempo veniva collegato ai concetti di forza e fatica che male si abbinavano alle donne, da sempre legate all’idea di grazia e gentilezza. Ancora alla fine dell’Ottocento, i giochi popolari prevedevano molta violenza e spesso si concludevano con vere e proprie risse.

Nell’antica Grecia, dove sono nati i concetti di ginnastica e sport, contrariamente a quanto si afferma, esistevano giochi riservati alle donne, gli “Heraia”, in onore della dea Hera.

È spartana la prima donna a essere inserita nell’albo delle Olimpiadi. Cinisca, figlia del re Archidamo, che vinse per ben due volte la corsa dei carri alle Olimpiadi nel 396 a.C. e nel 392 a.C. : si tenevano in un periodo diverso rispetto alle Olimpiadi, riservate ai maschi, e le atlete si cimentavano nella corsa dei 500 piedi olimpici (160,22m)

Le ragazze greche comunque non erano incoraggiate ad essere atlete; faceva eccezione la città di Sparta che formava le ragazze agli stessi valori sportivi dei ragazzi.

La figlia del re vinse due corse olimpiche

È spartana la prima donna a essere inserita nell’albo delle Olimpiadi. Cinisca, figlia del re Archidamo, che vinse per ben due volte la corsa dei carri alle Olimpiadi nel 396 a.C. e nel 392 a.C. Si tenevano in un periodo diverso rispetto alle Olimpiadi, riservate ai maschi, e le atlete si cimentavano nella corsa dei 500 piedi olimpici. (160,22m.) Le ragazze greche comunque non erano incoraggiate ad essere atlete; faceva eccezione la città di Sparta che formava le ragazze agli stessi valori sportivi dei ragazzi.

I giochi sportivi continuano durante l’Impero Romano trasformandosi in spettacoli, sempre più violenti e ovviamente riservati agli uomini. Con l’avvento del Il successo del mondiale femminile conferma che il gap con gli uomini si sta riducendo: ripercorriamo le tappe della storia dello sport in cui compaiono le donne. Cristianesimo si assiste ad una progressiva eclissi dell’attività fisico-sportiva, soprattutto in seguito ai sermoni di alcuni vescovi assolutamente contrari a queste pratiche definite “pagane”. Novaziano aerma: «I cristiani devono allontanare la vista e l’udito da questi spettacoli privi di contenuto, pericolosi e di cattivo gusto». L’imperatore Teodosio abolisce i giochi Olimpici per favorire l’allora vescovo di Milano Ambrogio.

Le donne entrano in gioco nel 1800

Per poter coniugare lo sport al femminile dobbiamo aspettare il 1800, quando nei palazzi inglesi e francesi le nobildonne iniziarono a cimentarsi in giochi di movimento. Il gioco più praticato era quello che più avanti verrà definito “gioco di Badminton” talmente diuso che anche Walt Disney lo inserirà in un suo film facendo giocare Lady Marian durante un momento di svago.

Nel 1894 il pedagogista francese, il barone Pierre de Coubertine, ipotizzò di riproporre gli antichi giochi Olimpici in quanto convinto del valore pedagogico del movimento e dello sport. Durante un congresso istituì il Comitato Olimpico Internazionale (C.I.O.) che diede inizio all’organizzazione di quelle che vennero definite Olimpiadi Moderne. Se fosse dipeso da lui, questo mio lavoro sullo sport femminile sarebbe finito ancora prima di iniziare.

Il suo pensiero era: «Aux Jeux Olympiques, le rôle des femmes devrait être surtout de couronner les vainqueurs». ( Ai Giochi Olimpici, il ruolo delle donne dovrebbe essere soprattutto quello di incoronare i vincitori.) (n.d.a. praticamente delle vallette). E ancora: «Une olympiade femelle serait impratique, inintéressante, inesthétique e incorrecte». (Una olimpiade femmina sarebbe non pratica, non interessante, antiestetica e non corretta.)

Il pensiero di de Coubertine non era semplicemente quello di un misogino, ma era profondamente ispirato dalle ideologie romantiche che vedevano la donna come una creatura languida e malinconica. Inoltre la morale dell’epoca imponeva alle donne vestiti non aderenti che coprissero tutto il corpo ed era obbligatorio indossare un ampio copricapo.

Era quindi impossibile avere un minimo di libertà di movimento per poter correre, saltare o lanciare. Fortunatamente il movimento femminista si stava sviluppando sempre più e, grazie ad alcune pioniere, l’avventura delle donne nello sport moderno poté iniziare. 1896 La greca Stamàta Revithi provò a iscriversi con lo pseudonimo Melpomene alla maratona della prima edizione delle Olimpiadi; la sua iscrizione non venne accettata, ma lei partì ugualmente venendo fermata prima dell’arrivo.

1900, sul campo di tennis

1900 – A Parigi alcune donne ottengono il permesso di partecipare ad un torneo di tennis all’interno del programma olimpico e la inglese Charlotte Cooper diventa la prima donna a ricevere un alloro olimpico. Senda Berenson, definita la madre della pallacanestro femminile, modifica le regole scritte da Naismith adattandole alle donne. Con questo gioco intendeva migliorare la socializzazione e la collaborazione tra le ragazze.

1908 – Alle Olimpiadi di Londra, viene data la possibilità alle donne di partecipare alle gare di tiro con l’arco, i costumi non sono i più indicati per un impegno sportivo.

1912 – Alle Olimpiadi di Stoccolma, senza il consenso di de Coubertin, vennero ammesse le donne alle gare di ginnastica e di nuoto suscitando un grande scandalo a causa dei costumi utilizzati. L’australiana Fanny Durack fu la prima donna a vincere nel nuoto.

1907 – Ida Nomi, “maestra di sport” italiana, traduce in italiano il regolamento del basket e presenta il gioco ” la palla al cerchio”, primo esempio di pallacanestro in Italia.

1921 – La francese Alice Milliat fonda la (F.S.F.I.) Federazione Sportiva Femminile Internazionale e organizza i Giochi Olimpici Femminili in opposizione ai veri Giochi Olimpici. I primi giochi Femminili si svolsero nel 1922 a Parigi ed ebbero un grande successo. Per paura che questi giochi potessero oscurare la popolarità delle Olimpiadi, il CIO convinse Milliat a rinunciare alla sua iniziativa in cambio di una maggiore apertura alle donne all’interno del programma Olimpico. Abbigliamento sportivo Le donne iniziano ad avere un maggiore spazio nel campo sportivo, devono comunque affrontare molte difficoltà legate anche all’abbigliamento. Non esiste ancora infatti un abbigliamento sportivo studiato per loro e di conseguenza devono arrangiarsi come possono.

1922 – Sebbene in Italia già nel 1878 la legge De Santis rendesse obbligatorio l’insegnamento nelle scuole della “ginnastica educativa” anche alle ragazze, è con l’avvento del regime fascista che il connubio donna e sport diventa rilevante. La donna sportiva è ammirata e appoggiata da alcuni intellettuali fascisti che considerano importante per la crescita dello Stato non solo l’uomo forte ma anche la donna forte. Nel 1923 nasce la FIAF Federazione italiana Atletica Femminile e gli sforzi profusi dal regime fascista avranno presto ripercussioni sui risultati sportivi.

Una donna corse con gli uomini nel Giro del 1924

1924 – La ciclista Alfonsina Strada dopo aver partecipato a numerose gare, chiese di potersi iscrivere al Giro d’Italia e ottenne il permesso in relazione al fatto che non esisteva nessuna norma contraria. La sua partecipazione fu ricca di polemiche, la Gazzetta dello Sport parlò di Alfonsin Strada, il Resto del Carlino la trasformò in Alfonsino Strada. Le tappe erano molto faticose e Alfonsina arrivava sempre con molto ritardo. Durante la tappa L’Aquila-Perugia arrivò fuori tempo massimo e la giuria le permise di continuare la corsa ma fuori classifica. Arrivò così a Milano assieme ai trenta dei novanta atleti maschi che avevano partecipato alla gara. In seguito vinse 36 gare contro colleghi maschi ma non poté più partecipare al Giro.

Olimpiadi 1928, ammesse 278 donne

Alle Olimpiadi di Amsterdam del 1928 furono ammesse 278 donne che, per la prima volta, poterono partecipare alle gare di atletica leggera. La prima medaglia fu vinta dalla polacca Halina Konopacka nel lancio del disco, ma la sua popolarità fu soppiantata dalla statunitense Elizabeth Robinson che 25 minuti più tardi vinse l’oro nei cento metri piani. L’Italia partecipa con 18 atlete e della rappresentativa fanno parte le piccole italiane della ginnastica pavese che vincono la medaglia d’argento; la più giovane è Luigina Giavotti che all’epoca aveva 11 anni e 302 giorni.

(Fine prima parte: CONTINUA DOMANI)

Nella foto, Alfonsina Strada, la prima, ed unica donna a correre con gli uomini il Giro d’Italia del 1924

INFORMAZIONI TRATTE DAL SITO https://www.iccarpenedolo.edu.it/
(fonte: professoressa Antonella Viscillo)

More in Sport