CorrCan Media Group

L’Italia di Insigne schianta la Bosnia: è Final Four

L’Italia di Insigne schianta la Bosnia: è Final Four

L’Italia di Insigne schianta la Bosnia: è Final Four

SARAJEVO – Gli azzurri non dovevano deludere e non l’hanno fatto. Anzi, sotto la sapiente regia di un illuminato Insigne, hanno dato spettacolo a Sarajevo. 14 anni dopo il trionfo mondiale di Berlino e 8 dopo la finale persa a Euro 2012, l’Italia torna a giocarsi un trofeo internazionale e potrà dare l’assalto alla Nations League da Paese ospitante.

Questo risultato dà all’Italia anche dei vantaggi in chiave qualificazioni ai Mondiali 2022: le quattro finaliste, infatti sono destinate ai gruppi da 5 per lasciare libere le date della Nations. Inoltre Se l’Italia non arrivasse prima nel gruppo mondiale (qualificata), e neanche seconda (playoff), avrebbe altissime probabilità di giocarsi comunque i playoff da vincente del gruppo di Nations di Serie A.

Rispetto alla partita con la Polonia, Evani – che ieri sostituiva in panchina Mancini, causa Covid – conferma 10/11esimi: l’unica novità è Berardi al posto di Bernardeschi. I bosniaci, ultimi e retrocessi in Lega B, sono falcidiati dal coronavirus: le assenze più di peso quelle di Dzeko e Kolasinac. C’è Pjanic a dirigere il traffico, con lui gli ‘italiani’ Krunic e Gojak. E proprio il milanista fa correre un brivido al compagno Donnarumma dopo appena 5′, ma la schiena di Florenzi evita guai.

Una fiammata che non scompone, gli Azzurri: Belotti spreca al 6′ (sinistro impreciso da pochi passi), non è baciato dalla fortuna al 15′ (tuffo di testa a lato di poco) ma al 22′ non sbaglia, con un destro al volo di controbalzo che fa secco Piric su delizioso assist di Insigne. Il Gallo torna così a cantare in Nazionale dopo un anno, proprio contro la Bosnia, sua ultima vittima il 15 novembre 2019.

I padroni di casa danno segnali di pericolosità solo al 37′, quando Prevljak controlla in area piccola e si gira, Donnarumma si salva con i piedi; al 44′ Corluka soffia la sfera a Jorginho in area sulla linea di fondo, poi sceglie l’assist per Gojak con il torinista che arriva in corsa e calcia a lato di poco. Tra le due occasioni, il palo esterno di Insigne dopo un fantastico controllo e il destro a giro marchio di fabbrica.

La ripresa parte con Di Lorenzo al posto di Florenzi, non al meglio. Gli Azzurri gestiscono senza patemi il vantaggio, prima di chiudere il match al 68′. Un gol tutto made in Sassuolo, con Locatelli che vede l’inserimento di Berardi, acrobazia di sinistro al volo e nulla da fare per l’incolpevole Piric. Evani concede la virtuale standing ovation a Belotti e Berardi e proprio Bernardeschi, entrato per l’attaccante del Sassuolo, sfiora il tris colpendo una clamorosa traversa. L’assist, manco a dirlo, di Insigne, trascinatore e migliore in campo a cui è mancato solo il gol.

Bosnia (4-3-3): Piric; Corluka, Hadzikadunic, Sanicanin, Kadusic (34′ st Todorovic); Cimirot, Pjanic (32′ st Danilovic), Krunic (26′ st Loncar); Tatar (34′ st Rahmanovic), Prevljak (34′ st Hadzic), Gojak. All.: Bajevic
Italia (4-3-3): Donnarumma; Florenzi (1′ st Di Lorenzo), Acerbi, Bastoni, Emerson; Barella, Jorginho, Locatelli; Berardi (37′ st Bernardeschi), Belotti (38′ st Lasagna), Insigne (49′ st Calabria). All.: Evani
Arbitro: Soares Dias (Portogallo)
Marcatori: 22′ Belotti (I), 23’st Berardi (I) Ammon.: Kadusic (B), Berardi (I)