CorrCan Media Group

Australian Open: l’azzurra Camila Giorgi alla riscossa, approda al terzo turno

Australian Open: l’azzurra Camila Giorgi alla riscossa, approda al terzo turno

Australian Open: l’azzurra Camila Giorgi alla riscossa, approda al terzo turno

MELBOURNE – Camila ci fa sognare. Non solo per la sua indubbia bellezza, ma soprattutto per la vittoria conseguita ieri e per la ritrovata forza che contraddistingue i suoi colpi.

Asfaltare una virago del calibro di Svetlana Kuznetsova non è impresa da poco. La nostra Camila ha impiegato appena un’ora e tre minuti per annientare la forte 34enne russa – ex numero due del mondo ed oggi alla 48esima posizione Wta – con un perentorio punteggio di 6-3, 6-1 che non lascia adito a dubbi sulla sua ritrovata forma.

Dopo l’infortunio al polso che aveva pesantemente condizionato il suo 2019 – facendola scivolare dalla 26esima posizione del ranking, addirittura fuori dalla top 100 – la 28enne tennista di Macerata è tornata finalmente a splendere sul cemento di Melbourne. Archiviata agilmente la pratica al debutto con la 23enne tedesca Antonia Lottner (proveniente dalle qualifi cazioni, ndr), nel primo turno, la nostra Giorgi ci ha preso gusto, collezionando anche lo scalpo della Kuznetsova e concedendole appena un break.

Dopo aver aspettato quattro ore in più rispetto al programma – causa tempesta di sabbia – Camila ha mostrato, sul campo 19, tutto il suo miglior repertorio. Dritto potente e tagliente, servizio incisivo, palle corte e attacchi profondi.

La Kuznetsova, dopo averle strappato il servizio in apertura, ha potuto solo guardare e soccombere nei 5 game successivi e consecutivi: 27 vincenti e appena 14 errori non forzati impreziosiscono il match dell’azzurra che quando è scesa a rete si è rivelata implacabile, con l’80% dei punti vinti.

Ora, sulla strada della bella marchigiana – seconda presenza tricolore, al terzo turno dello Slam australiano, insieme a Fabio Fognini – c’è stasera l’ostacolo Angelique Kerber, la 32enne tedesca ex numero uno del mondo e trionfatrice agli Australian Open nel 2016. Camila l’ha incontrata quattro volte in carriera, sempre sul cemento, ed è stata ogni volta battuta.

Ma quella che vediamo in questi giorni sui campi di Melbourne è una Camila rinata, più determinata che mai, pronta a contendere alla teutonica l’accesso agli ottavi di finale. Forza Camila!