CorrCan Media Group

Una speranza per 500 lavoratori non documentati

Una speranza per 500 lavoratori non documentati

TORONTO – Venerdì 7 luglio 2019, il governo ha annunciato una policy pubblica temporanea per i lavoratori edili con visto scaduto nella GTA.

“È una buona notizia”, ha detto un riservato Manuel Alexandre, Presidente dell’Undocumented Workers Committee (UWC), in un’intervista telefonica da Brampton, in risposta all’annuncio del Dipartimento per l’Immigrazione di un’iniziativa temporanea per creare una via verso la residenza permanente per un massimo di 500 lavoratori senza permesso di soggiorno [non documentati] del settore edile nella GTA.

Ci voleva; lo si aspettava da tempo. Non importa quale sia il titolo, un progetto pilota è un progetto pilota. L’annuncio del governo si legge come i comunicati stampa che potrebbero essere stati pubblicati dall’organizzazione del signor Alexandre su almeno due principi importanti che non erano stati mai riconosciuti apertamente.

In primo luogo, il governo ammette che questi lavoratori “hanno continuato a far fronte a significative carenze di manodopera nell’industria delle costruzioni, contribuendo allo stesso tempo all’economia e alle loro comunità”. Alexandre nota che l’UWC ha sempre sostenuto che non ci sono “scrocconi” nel gruppo.

In secondo luogo, il progetto pilota, anche se temporaneo, ammette pubblicamente che “senza il visto di soggiorno, questi lavoratori e le loro famiglie hanno vissuto nella paura e hanno finito per sentirsi molto vulnerabili”. In Canada, ha dichiarato Alexandre, “questo stato di cose è totalmente inaccettabile”.

È ora che il governo ne prenda nota, ha aggiunto. “L’UWC ha insistito sulla questione per diversi anni – tornando ai giorni bui di Kenney e Alexander – quando finalmente sembrava che fossero stati fatti dei progressi con il Ministro John McCallum, i progressi sono stati revocati da Hussen”, ha detto.

“È una vittoria per il nostro gruppo e per coloro che hanno fatto il soldato con noi e il nostro rappresentante legale, nonostante le controproposte spesso discutibili”, ha insistito Manuel Alexandre, anche se il numero di persone previste da questa iniziativa è piccolo e la misura “temporanea”.

È vero che il numero di lavoratori “senza documenti” in tutti i campi è stato stimato dai funzionari governativi in passato come superiore a un milione. Quelli specificatamente nel settore dell’edilizia impiegati nell’Ontario meridionale sono ovviamente molto più bassi, sebbene significativi per un settore che chiede a viva voce una maggiore disponibilità di manodopera.

La questione è stata punteggiata da tattiche da parte di datori di lavoro, avvocati e media che, secondo il parere di questo autore, hanno le caratteristiche di essere eticamente sfidati e maliziosi borderline.

Diversi progetti pilota sono stati annunciati e annullati negli ultimi anni – Atlantic Pilot, ecc. – alcuni di loro pieni di accuse di abusi e accuse di frode, non dimostrate comunque in tribunale.

Alexandre, è fiducioso che questo progetto funzionerà. “Vogliamo essere ottimisti. In quale altro modo l’UWC avrebbe potuto ottenere questo successo, anche se piccolo?

Evidentemente, qualcuno lo ha ascoltato.

More in Redazione