CorrCan Media Group

Tutto l’Ontario in fase 2 eccetto Toronto, Windsor e Peel Region

Tutto l’Ontario in fase 2 eccetto Toronto, Windsor e Peel Region

Tutto l’Ontario in fase 2 eccetto Toronto, Windsor e Peel Region

TORONTO – Buona parte dell’Ontario a partire da questo venerdì entrerà nella fase 2. Rimangono escluse, ancora una volta, solamente Toronto, Windsor e la Peel Region. È questa la decisione del premier Doug Ford annunciata ieri durante una conferenza stampa nella quale è stata ribadita la necessità della riapertura asimmetrica e a macchia di leopardo dell’economia dell’Ontario in seguito alla pandemia di Covid-19.

Il premier, insieme ai ministri Vic Fedeli, Christine Elliot, Lisa MacLeod e Rod Phillips, ha fatto capire che entro lunedì prossimo sarà ancora una volta rivalutata la curva epidemiologica delle tre aree che rimangono in fase 1 per l’eventuale riapertura dell’economia a partire dal 26 giugno.

Con la decisione di ieri, tuttavia, si verranno a creare delle situazioni paradossali. Ad esempio, un residente di Toronto potrà tranquillamente andare da una parrucchiera di Vaughan o Richmond Hill, potrà andare a pranzare nel patio di un ristorante a Niagara on the Lake senza alcun tipo di divieto o restrizioni.

Lo stesso premier ha ammesso che si verranno a creare queste situazioni limite nei prossimi giorni. “Ma abbiamo deciso di seguire alla lettera le raccomandazioni che sono state fatte dalle autorità sanitarie della Provincia e delle singole realtà locali. Credo – ha poi aggiunto Ford – che molto presto la pazienza di chi si trova ancora in fase 1 verrà premiata. Anche se non me la sento di dare date certe, i numeri ci dicono che il contagio sta rallentando un po dappertutto. Per questo motivo non manca molto al passaggio di tutto l’Ontario alla fase 2”.

Con l’annuncio di ieri, a partire da venerdì prossimo saranno allentate numerose restrizioni in tutta la York Region, nella Durham Region, nell’area di Haldimand-Norfolk, nella regione di Halton, in quella di Hamilton e nell’area di Niagara.

Ma cosa comporta il passaggio alla fase 2? In sostanza sarà permessa la riapertura di una lunghissima lista di attività commerciali che avevano dovuto chiudere i battenti dallo scorso metà marzo. Nelle aree interessate, bar e ristoranti potranno tornare a servire i clienti nei patio e in tutti gli spazi all’aperto dei locali. Riapriranno barbieri e parrucchiere, negozi di tatuaggi, centri estetici e studi fotografici. Potranno riaprire completamente anche gli shopping mall, i grandi centri commerciali, nei quali però si dovranno seguire delle stringenti linee guida per garantire il distanziamento fisico di almeno due metri di tutti clienti.

Ritorneranno anche le attività sportive di squadra, con molte limitazioni. Si potranno fare gli allenamenti, con il rispetto del distanziamento fisico, mentre saranno ancora vietate le partite ufficiali. Saranno quindi riaperte le spiagge provinciali così come saranno allentate alcune restrizioni presenti all’interno dei parchi.

“Grazie agli sforzi collettivi dei nostri operatori sanitari in prima linea – ha aggiunto Ford – e al comportamento di responsabilità collettiva di tutti in queste regioni per fermare la diffusione del COVID-19, sempre più imprese saranno in grado di aprire le loro porte e migliaia di persone potranno tornare al lavoro e mettere il cibo in tavola”.

“Con il trend dei numeri che migliora di giorno in giorno in tutta la provincia, spero che tutte le regioni dell’Ontario entreranno presto nella Fase 2. Ma dobbiamo stare in guardia per evitare qualsiasi potenziale impennata o seconda ondata continuando a seguire i validi consigli dei nostri funzionari della sanità pubblica”.