CorrCan Media Group

TCDSB, una boccata d’aria fresca

TCDSB, una boccata d’aria fresca

TORONTO – Il Consiglio Scolastico del Distretto Cattolico di Toronto (TCDSB) ha scelto un nuovo presidente in sostituzione di Maria Rizzo, presidentessa uscente.

I fiduciari (Trustee) hanno optato per una mano ferma ed esperta al timone ieri sera, votando 7-5 a favore del veterano Joe Martino.

In passato, ha svolto già la medesima carica: è stato l’ultimo presidente del consiglio scolastico separato della Metro (la vecchia MSSB) e il primo presidente del successivo provveditorato, l’attuale TCDSB, dal 1997 al 1999.

Markus De Domenico, l’altro concorrente, ha subìto la sconfitta dopo che un secondo scrutinio ha rotto il pareggio, 6-6, che era risultato dal primo voto. L’elegante gesto dello stesso De Domenico con una mozione per rendere il risultato unanime è stato vanificato da una Rizzo desiderosa di mettersi in mostra.

Angela Kennedy, un altro ex presidente è stato eletto vicepresidente.

La lista dei fiduciari presenti nel direttivo del provveditorato – oltre al citato Martino – comprendeva anche Markus de Domenico, Ida Li Preti, Teresa Lubinski, Frank D’Amico, Mike Del Grande, Garry Tanuan e Maria Rizzo, risultata oggetto di forti polemiche, specie nelle ultime settimane.

Il più grande provveditorato agli studi cattolico in Ontario aveva infatti aggiunto, lo scorso 8 novembre – dopo un acceso dibattito ed una votazione sul filo del rasoio – i termini “espressione di genere” e “identità di genere” al suo codice di condotta. Nonostante le polemiche e le manifestazioni contrarie, anche l’Arcidiocesi di Toronto aveva approvato la novità lessicale legata al nuovo codice.

Al personale docente, studenti, genitori e fiduciari del TCDSB viene richiesto – secondo il codice approvato – che “rispettino e trattino gli altri in modo equo” indipendentemente dalla loro “identità di genere, espressione di genere, stato civile o stato di famiglia”.

Se le posizioni assunte dalla presidente uscente, Maria Rizzo, sono risultate spesso divisorie e fonte di aspre polemiche, nonché di raccolte firme popolari che ne richiedevano le dimissioni (con oltre 1.500 adesioni registrate via email, ndr) il direttivo del provveditorato era – in questi giorni di “trattative” tra i fiduciari, prima di giungere al voto di ieri sera – alla ricerca di un nome che potesse rappresentare un nuovo elemento di unità in seno al consiglio, sia sui temi etici che su quelli didattici.

Con 91.000 studenti e poco meno di 200 istituti scolastici sotto la sua egida – tra cui 163 scuole elementari e 28 medie superiori – il TCDSB è uno dei più grandi provveditorati agli studi di tutto il Canada ed è il più grande provveditorato cattolico, finanziato con fondi pubblici, in tutto il mondo.

Attuale direttore didattico del provveditorato è Rory McGuckin, nominato nel 2017.

Il provveditorato cattolico di Toronto volge dunque pagina ed apre un nuovo capitolo verso le sfide di un’epoca che richiede sempre più tolleranza ed apertura verso una società moderna e multietnica, fondata sul rispetto dei valori etici, didattici e religiosi.

More in Redazione