CorrCan Media Group

St. Michael’s College, arrestati sei studenti

St. Michael’s College, arrestati sei studenti

TORONTO – Sono sei gli studenti arrestati in relazione ad una violenza sessuale di gruppo avvenuta alla St. Michael’s College School.

Le accuse sono violenza, violenza di gruppo e violenza sessuale con un’arma.

La prestigiosa scuola privata di soli ragazzi dalla scorsa settimana è sotto la lente d’ingrandimento in seguito alla circolazione in rete di due video e la rivelazione che otto studenti sono stati espulsi ed un altro sospeso.

«Tutti questi casi sembrano essere riconducibili a pratiche di nonnismo, ma una volta che rientrano in ambito criminale, veniamo coinvolti», ha detto l’ispettore della polizia di Toronto Dominic Sinopoli durante la conferenza stampa di ieri.

Cinque dei sei ragazzi accusati si sono costituiti mentre il sesto è stato arrestato mentre si recava a scuola.

Gli investigatori hanno affermato che il fatto che ha dato il via all’investigazione coinvolge un gruppo di studenti che fanno parte della squadra di football: nel video un altro studente viene aggredito sessualmente con un manico di scopa. Violenza, questa, avvenuta durante quest’anno scolastico ma la polizia non ha voluto fornire una data precisa.

Le aggressioni, hanno detto funzionari della scuola che è venuta a conoscenza dell’accaduto il 12 novembre, sono state riprese e diffuse sui social network.

«Siamo molto preoccupati per la circolazione dei video sui social media – ha detto Sinopoli – le conseguenze indesiderate sono di vasta portata e dannose per il recupero della vittima. Non posso non sottolineare l’importanza di assicurare che questi video vengano immediatamente eliminati da tutti i telefoni o dispositivi in vostro possesso. Chi non li cancella o continua a farli circolare incorrerà in gravi ripercussioni».

La polizia ha detto che la vittima nel presunto attacco sessuale si sta riprendendo dall’incidente. «Dalle informazioni in mio possesso risulta che la vittima specifica di questo atto sta bene – ha aggiunto l’ispettore Sinopoli – ha ottenuto il sostegno di cui ha bisogno e che merita».

Questi casi di violenza non sarebbero comunque i soli accaduti alla St. Michael’s College School: la polizia ha affermato che i casi sui quali sta indagando sono tre, quattro se si include quello che ha portato all’arresto di sei ragazzi. Due dei tre nuovi episodi sarebbero aggressioni, l’altro una violenza sessuale.

Da parte sua la scuola, che è stata accusata di non aver denunciato i casi appena scoperti, ha fatto sapere nei giorni scorsi che a.derà una indagine a “una terza parte indipendente” in relazione alla condotta dei suoi studenti.

A dichiararlo è stato il preside Greg Reeves: si tratterebbe si una commissione composta da tre o cinque “cittadini di spicco” che verrebbe incaricata di preparare una relazione preliminare sull’incidente entro la primavera e di presentare una relazione finale la prossima estate, in modo che le raccomandazioni contenute nel rapporto possano essere implementate per l’inizio dell’anno scolastico 2019-20. Le vittime di queste pratiche assurde e inquietanti secondo la polizia non sono solo quelle delle quali si è venuti a conoscenza tramite questi video, questa potrebbe essere solo la punta dell’iceberg.

La polizia ha affermato di ritenere che ci possano essere più vittime in relazione agli incidenti di nonnismo e si appellano a.nché le persone si facciano avanti.

«Abbiamo già detto ai genitori che non ci sono scadenze entro le quali denunciare questi fatti che sono sconfinati nel campo criminale – ha detto Sinopoli – quindi non ha alcuna importanza se è successo questa settimana, la scorsa settimana o l’anno scorso, noi siamo interessati a parlare con gli studenti interessati».

Chiunque abbia informazioni è invitato a contattare lo Child and Youth Advocacy Centre al 416- 808-2922 o Crime Stoppers in modo anonimo al 416-222-TIPS.

More in Redazione