CorrCan Media Group

Sindaci Gta uniti contro la violenza armata

Sindaci Gta uniti contro la violenza armata

Sindaci Gta uniti contro la violenza armata

TORONTO – La situazione è allarmante. L’aumento della violenza armata è fonte di preoccupazione e trovare il modo di arginarla è una priorità.

Secondo il sindaco di Toronto, è tempo di mettere fine ad una situazione diventata insostenibile: Tory ha annunciato che nel mese di gennaio convocherà quindi un incontro con i sindaci e capi di polizia di tutta la provincia dell’Ontario per discutere i modi per combattere l’aumento della violenza armata delle gang.

Il primo cittadino è intervenuto in un programma di Cp24 in seguito alla pubblicazione di un rapporto di Canadian Press secondo il quale il primo ministro Justin Trudeau procederà con il suo piano di permettere che i comuni vietino la vendita di armi da fuoco, anche se province si oppongono.

«Con l’inizio del nuovo anno ho intenzione di chiamare a raccolta sindaci e capi di polizia delle città della cintura di Toronto per discutere di questo problema e vedere cos’altro possiamo fare, perché non si può solo chiedere al governo federale di agire così come non si può neppure chiedere alla polizia di fare tutto da sola – ha detto Tory, che in passato si è detto favorevole ad un divieto delle pistole – dobbiamo lavorare tutti assieme per fare ogni singola cosa che possiamo in tutta la provincia per fermare la violenza delle armi che negli ultimi due anni è stata fin troppo presente».

Tory ha detto che ha già contattato i suoi colleghi sindaci della Gta per gettare le basi per l’incontro e sta anche cercando di assicurarsi la presenza di rappresentanti dei governi provinciale e federale. Tory ha detto che “investire nei quartieri” e “cambiare alcune delle applicazioni delle leggi ridicole sulla libertà su cauzione” sono due modi per arrivare alle gang che sono il cuore del problema, ma ha detto che intende sentire ciò che gli altri hanno da dire.

«Tutti sono chiamati ad aiutare. La polizia, i sindaci, gli altri governi. Dobbiamo fare tutto il possibile per garantire che le comunità rimangano al sicuro», ha affermato.

Finora quest’anno ci sono stati 71 omicidi a Toronto, meno dei 96 del 2018 che hanno stabilito un record: le sparatorie, tuttavia, sono salite giungendo a un totale di 464 casi.