CorrCan Media Group

Scuole chiuse in Ontario per le prossime tre settimane

Scuole chiuse in Ontario per le prossime tre settimane

Scuole chiuse in Ontario per le prossime tre settimane

TORONTO – Tutte le scuole pubbliche di ogni ordine e grado rimarranno chiuse, in Ontario, dal 14 marzo al 5 aprile compresi.

Lo ha deciso ieri l’amministrazione provinciale, a guida di Doug Ford, a fronte della nuova ondata di contagi da coronavirus Covid-19 registrati in Ontario.

Ford ha firmato l’ordinanza ministeriale che dispone la chiusura delle scuole, in coordinamento col ministro dell’Istruzione pubblica, Stephen Lecce, e con il ministro per la sanità provinciale, Christine Elliott.

Il ministro Lecce ha emanato il relativo Ordine Ministeriale, dopo essersi consultato col dottor David Williams, ufficiale capo per la salute pubblica in Ontario, e con l’apposito team provinciale allestito per affrontare l’emergenza coronavirus Covid-19.

Dunque tutti gli studenti rientreranno in classe dopo tre settimane di stop alle lezioni, la prima per il March Break e le due successive come da disposizione ministeriale.

La pandemia da Covid-19 inizia dunque ad evocare – in tutto l’Ontario – i fantasmi e le paure che provocò la Sars nel lontano 2003. Ieri infatti sono stati almeno 17 i nuovi casi di positività registrati nella nostra provincia, portando così il totale dei contagiati a 59. Sono stati nove i casi aggiuntisi al computo nella GTA, due a testa nelle regioni di Peel e Waterloo ed i rimanenti tra Ottawa, Hamilton e Simcoe-Muskoka. Tra tutti i nuovi contagiati si registra anche un bimbo piccolo, entrato in contatto con un paziente al North York General Hospital.

Le autorità sanitarie dell’Ontario hanno confermato di aver effettuato più di 4.100 test. Nel pomeriggio, il sindaco di Toronto, John Tory, ha fatto appello al “senso di responsabilità” della cittadinanza, per contribuire ad arginare il diffondersi del virus.

Durante la stessa conferenza stampa, la dottoressa Eileen de Villa – u˜ciale medico della salute pubblica in Ontario per la città di Toronto – ha ricordato che tutti coloro i quali si sono recati di recente all’estero – in particolare in Italia, Cina ed Iran – dovrebbero “astenersi di frequentare incontri con gruppi di persone, feste, o locali pubblici affollati” e rimanere in auto-isolamento per 14 giorni, anche se non mostrano alcun sintomo del coronavirus.

Intanto, l’emergenza Covid-19 irrompe anche nella vita degli americani, a sud del nostro confine. Donald Trump ha parlato alla nazione, annunciando iniziative per contrastare la pandemia, con la sospensione di tutti i collegamenti aerei con l’Unione Europea per 30 giorni. Una misura “dura ma necessaria” ha detto il presidente sottolineando che dal bando è esclusa la Gran Bretagna.

Trump nel suo discorso ha criticato l’Europa rea, a suo dire, di non aver fatto abbastanza contro il virus. “Gli europei hanno portato il virus ” ha detto Trump, criticando l’Europa per non aver agito in modo sufficientemente veloce per affrontare il “virus straniero” e ha sostenuto che i cluster Usa sono stati “seminati” da viaggiatori europei.

“Abbiamo fatto una mossa salvavita con la Cina, ora dobbiamo intraprendere la stessa azione con l’Europa”, ha spiegato elogiando la risposta “veloce e professionale” da parte degli Usa.

Il provvedimento – ha precisato Trump – non riguarda i cargo commerciali. “L’Italia sta vivendo davvero tempi duri, speriamo si riprendano in fretta, una situazione da record. E’ solo questione di tempo e se ne andrà” ha poi detto ieri il presidente Trump, scambiando alcune battute con i giornalisti alla Casa Bianca.