Scuola, ripartenza lenta tra difficoltà e Covid

di Mariella Policheni del September 28, 2020

TORONTO - Inizia oggi un’altra settimana di scuola, come nei giorni scorsi, all’insegna dell’incertezza e dei problemi non ancora risolti. Su tutto questo grava lo spettro dei casi di Covid-19 che ogni giorno aumentano in modo significativo.

Il contagio, con l’inizio della seconda ondata di coronavirus, sta correndo tra i banchi di scuola. Finora, con i 29 casi registrati venerdì, sono 238 i contagi nelle aule dell’Ontario: 10 studenti, 10 insegnanti e 9 membri del personale le cui mansioni non sono state specificate.

Dall’inizio dell’anno scolastico ad aver registrato almeno un caso di Covid-19 sono 200 scuole in Ontario e 400 in Quebec.

Ad Ottawa quasi una scuola su cinque ha segnalato una persona con il Covid-19. Una scuola elementare a Quebec City ha inoltre annunciato un+a chiusura di due settimane dopo che 20 studenti e cinque membri del personale sono risultati positivi al virus.

Una scuola superiore a Pembroke, in Ontario, è stata la prima a chiudere nella provincia dopo che quattro membri dello sta. e uno studente sono risultati positivi.

Edmonton ha segnalato due scuole “sotto sorveglianza, una designazione della provincia quando una scuola ha cinque o più casi.

Ed il primo focolaio di coronavirus in una scuola di Toronto è stato dichiarato nella Glen Park Public School, nell'area di Englemount Avenue e Glengrove Avenue West. Sono due gli studenti della scuola che dopo essere risultati positivi al virus, sono in autoisolamento a casa. Inoltre, un insegnante e 35 studenti di due classi si trovano nelle loro abitazioni dove rimarranno in quarantena per 14 giorni.

«Una delle realtà del vivere in un mondo dove è presente il Covid-19 è che ci saranno casi nelle scuole - ha detto l’ufficiale sanitario di Toronto Eileen de Villa - mi aspetto che ulteriori casi verranno segnalati anche in futuro e di certo verrà messo in pratica quanto reputato necessario per gestire la situazione e ridurre il rischio di diffusione».

Fino a venerdì ci sono stati casi confermati di Covid-19 in più di 30 scuole del Toronto District School Board. «Lo scopo di dichiarare un focolaio in qualsiasi situazione, sia che si tratti di una scuola o di qualsiasi altra istituzione, è di consentire effettivamente una risposta rapida per tenere sotto controllo l’epidemia» ha detto de Villa.

C’è grande fermento in seno al provveditorato pubblico di Toronto che è al lavoro per assumere insegnanti necessari per i corsi online che con l’aumento dei contagi delle ultime settimane hanno registrato un boom di studenti.

Nonostante la corsa contro il tempo per formare le classi e assegnare i docenti, il Tdsb ha già detto che alcuni studenti delle elementari potrebbero non avere un insegnante per le loro lezioni online fino a metà o alla fine di questa settimana.

“Questa è una situazione difficile e ci rendiamo conto che le famiglie stanno diventando sempre più frustrate con il passare dei giorni - si legge in un comunicato di.uso dal provveditorato pubblico - continuiamo a lavorare il più rapidamente possibile ma ci vuole molto più tempo del previsto”.

Il Tdsb ha assunto nel giro di 24 ore 400 degli insegnanti necessari per la didattica a distanza ma ne occorrono altri 100 per poter dare inizio allo studio online per tutte le classi.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.