CorrCan Media Group

“Pot shop”, municipalità sul piede di guerra

“Pot shop”, municipalità sul piede di guerra

TORONTO – Nel frattempo che il popolo della marijuana attende con ansia l’apertura dei negozi dove si vende cannabis in programma ad aprile, alcune municipalità dell’Ontario stanno prendendo in considerazione di non permettere l’inaugurazione di questi pot shop.

Mentre è quasi sicuro che Markham e Richmond Hill bandiranno l’apertura dei negozi, altre municipalità come Oakville, King Township ed East Gwillimbury stanno valutando i pro e i contro e potrebbero optare per il divieto.

Il comune di Markham, capeggiato dal sindaco Frank Scarpitti, ha già preso le distanze dalla legalizzazione della droga.

Lo Smoke-free Ontario Act – che permette di fare uso di marijuana in tutti i luoghi pubblici dove è possibile fumare sigarette – a Markham non ha valore: poche ore prima della legalizzazione i consiglieri hanno votato all’unanimità il divieto di fumare cannabis nei parchi e negli spazi pubblici dal momento che la maggior parte dei residenti ha manifestato la preoccupazione di sentire l’odore ‘sgradevole’ per le strade.

L’unico posto dove è possibile farsi il classico spinello sono le proprietà private.

Il divieto di aprire negozi che vendono l’erba potrebbe quindi scattare facilmente.

Non è stata presa invece nessuna decisione a Vaughan dove…

(il servizio completo è nell’edizione cartacea di oggi del Corriere Canadese: per abbonamenti, telefono 416 782-9222, e-mail info@corriere.com)

More in Redazione