CorrCan Media Group

“Ottawa deve creare un Pharmacare nazionale”

“Ottawa deve creare un Pharmacare nazionale”

TORONTO – Il governo dovrebbe creare un’agenzia sanitaria nazionale che permetterebbe l’abbattimento dei costi per i farmaci che necessitano di ricetta medica.

È questa la raccomandazione contenuta in un rapporto di 171 pagine presentato ieri da una commissione di esperti guidata dall’ex ministro della sanità dell’Ontario Eric Hoskins (nella foto).

Nello studio, commissionato dallo stesso governo federale, si propone di creare un unico piano di Pharmacare nazionale, che dovrebbe essere attivato entro l’1 gennaio 2022 con una lista minima di farmaci essenziali, per poi essere allargato ad altri medicinali sino a diventare definitivo e a pieno regime a partire dal gennaio del 2027.

Ma come funzionerebbe questo piano, secondo la proposta di Hoskins?

La nuova agenzia sanitaria in collaborazione con i ministeri della Salute provinciali, diventerebbe l’unico fornitore di copertura sanitaria per i farmaci inclusi nella sua lista, andando di fatto a sostituire il sistema misto pubblico-privato che regola attualmente la distribuzione e la copertura dei farmaci che necessitano di ricetta medica nel nostro Paese.

A guadagnarci – sostiene Hoskins – sarebbero gli stessi contribuenti, perché il costo dei farmaci verrebbe limitato a cinque dollari per ricetta medica, con un massimo annuale di 100 dollari per persona.

Nel 2022, anno di attivazione dell’agenzia nazionale, il costo totale dovrebbe superare di poco i 4 miliardi di dollari annui, cifra questa che dovrebbe lievitare fino a 18,1 miliardi di dollari annui a partire dal 2027.

La ministra federale della Salute Ginette Petitpas Taylor ha ringraziato la commissione per il suo lavoro e ha confermato che il governo federale valuterà con attenzione tutte le raccomandazioni presenti nel rapporto.

Non è ancora chiaro se lo studio farà parte o meno del programma liberale in vista del voto di ottobre.

More in Redazione