CorrCan Media Group

OPP, Thomas Carrique è il neo-commissioner

OPP, Thomas Carrique è il neo-commissioner

TORONTO – Appena cinque giorni dopo il ritiro del sovraintendente della polizia di Toronto Ron Taverner, l’Opp ha il suo nuovo commissioner.

Sarà Thomas Carrique, attualmente vice chief della York Regional Police, a prendere il comando della forza di polizia della provincia l’8 aprile.

Ieri, poco dopo la nomina, Carrique si è detto grato ed onorato per la fiducia accordatagli dal governo dell’Ontario e dal ministro Jones. «Nessuno è più sorpreso di me per questo annuncio – ha detto visibilmente commosso il neo-commissioner – sono orgoglioso di unirmi all’OPP, metterò al suo servizio la mia esperienza con la York Regional Police».

Con questo annuncio si pone la parola fine ad una saga che si protrae da dicembre, da quando cioè il premier Doug Ford aveva sostenuto la nomina del suo vecchio amico Taverner.

Polemiche e veleni non si sono fatti attendere al punto da spingere lo stesso Taverner a posticipare la sua nomina fino al completamento dell’indagine del commissario per l’integrità.

Il caos è stato scatenato sia dall’opposizione che dall’allora vice commissioner dell’OPP Brad Blair che dietro tutto questo vedevano l’ingerenza del premier Ford per poter in qualche modo godere di una corsia preferenziale con la forza di polizia.

Taverner, 72 anni, amico di famiglia di Ford, inizialmente non ha soddisfatto i criteri elencati per la posizione di commissioner. Il governo ha poi ammesso di avere abbassato i requisiti per attirare una gamma più ampia di candidati e di avere infine firmato il documento u.ciale che nominava Taverner dopo che un comitato delle assunzioni ha fatto la selezione.

Di questo comitato faceva parte Mario Di Tommaso, vice ministro per la sicurezza della comunità, che la settimana scorsa ha licenziato personalmente il vice commissario dell’OPP Blair, reo probabilmente di aver intrapreso una battaglia legale riguardo la nomina di Taverner.

Blair ha sostenuto anche che c’era un conflitto di interessi per Di Tommaso che oltretutto è anche l’ex capo di Taverner. Con il passo indietro fatto da Taverner è arrivata ieri la nomina di Carrique che ha alle spalle una carriera con la polizia di York lunga 29 anni e che ha prestato servizio in uniforme, in indagini penali, servizi investigativi, traffico, marina, ordine pubblico e gestione di rami operativi.

“La vasta esperienza del vice capo Carrique è importante in quanto l’OPP lavora per a.rontare fascicoli impegnativi, come la tratta di esseri umani e la lotta contro gang e armi”, ha dichiarato in una nota il ministro dei Servizi di sicurezza e correttivi della comunità Sylvia Jones.

Le polemiche, a questo punto, potrebbero sbiadirsi ma è improbabile che svaniscano velocemente. Di carne al fuoco ce n’è tanta: il rapporto del commissario per l’integrità è ancora dovuto, è in corso un procedimento giudiziario per chiedere al difensore civico di indagare, l’NDP ha chiesto un’inchiesta pubblica e l’ex vice commissioner dell’OPP Blair sostiene di essere stato stato licenziato come rappresaglia per aver preso posizione contro la nomina di Taverner.

More in Redazione