Ontario, il contagio dilaga nelle scuole

di Mariella Policheni del November 26, 2020

TORONTO - Una scuola pubblica su tre di Toronto registra un caso attivo di Covid-19 - più del doppio della media provinciale propagandata dal ministro dell'Istruzione dell'Ontario, Stephen Lecce - ed il quadro peggiora in altri provveditorati negli hotspot della pandemia.
Ieri, dopo il boom di 270 casi registrato martedì, i nuovi contagi sono stati 162 (138 studenti e 24 insegnanti) che hanno portato il totale a 4.269. Le scuole dove sono scoppiati focolai sono al momento 688.
Nel consiglio scolastico pubblico di Toronto, il 35% degli istituti - circa 206 scuole - ha almeno uno studente o un membro del personale che viene segnalato come malato di Covid-19. Delle scuole cattoliche di Toronto, il 40 per cento - ovvero 79 edifici - annovera casi attivi. A Brampton, il 48 per cento di tutte le scuole, sia pubbliche che cattoliche, hanno casi attivi.
Toronto e Peel sono in lockdown, quindi non sorprende che abbiano più casi rispetto alla media provinciale. Il governo ha sempre affermato che è più sicuro per gli studenti essere a scuola e che la priorità è tenerle aperte. Non ha mai detto che i casi nelle zone in lockdown sono significativamente più alti della media provinciale, che è del 14,6%.
«I genitori vogliono i fatti. Ecco un dato di fatto che penso possa far stare tranquilli: il 99,95% degli studenti non è affetto da Covid-19, il 99,92% degli insegnanti non ha contratto il Covid-19, il 99,7% del personale non ha mai avuto il Covid-19 - ha detto Lecce, lunedì scorso, a Queen’s Park - la nostra leadership nella sanità pubblica e i nostri provveditorati scolastici sono impegnati insieme per appiattire la curva, per ridurre il rischio e per mantenere i nostri bambini al sicuro, e questa è una buona cosa che dovremmo festeggiare in questa provincia».
A Brampton, 61 scuole pubbliche e 28 scuole cattoliche hanno segnalato rispettivamente 122 e 89 casi. Nel provveditorato pubblico, 51 scuole che si trovano al di fuori di Brampton contano altri 78 casi. Di queste, 46 scuole si trovano a Mississauga, quattro a Caledon e una a Bolton.
Nel provveditorato cattolico di Dufferin-Peel, 37 scuole nelle vicinanze di Brampton hanno segnalato un totale di 61 casi. Tutte, tranne una di queste scuole, sono a Mississauga. La percentuale di infezioni di Covid-19 nel consiglio scolastico cattolico di Dufferin-Peel - che comprende Mississauga, Caledon, Bolton e Orangeville - è del 43%, con 65 delle sue 151 scuole elementari e medie che segnalano casi attivi. Nel consiglio pubblico di Peel, che serve Brampton, Mississauga e Caledon, il tasso è del 44% ovvero 112 delle sue 257 scuole.
Il Chief Medical Officer of Health dell'Ontario ha affermato più volte che tenere le scuole aperte è di fondamentale importanza per la salute mentale dei bambini, e nonostante studenti e personale stiano portando il Covid-19 nelle scuole, il virus non viene diffuso al loro interno.
La gravità della situazione ha spinto il ministro provinciale della Sanità Christine Elliott ad affermare che, se necessario, rivedrà le attuali disposizioni. «Se le circostanze cambiano e si verifica un enorme aumento del numero di contagi nelle scuole, potremmo dover dare un'altra occhiata», ha detto Elliott.
L'Ontario ha iniziato a distribuire test rapidi nelle case di cura a lunga degenza e nelle comunità rurali: Ford l'ha definito un punto di svolta e ha suggerito che potrebbero essere messi anche a disposizione delle scuole.
Anche l'epidemiologo dell'Università di Toronto, Colin Furness, ritiene che le scuole non debbano chiudere. “Dovremmo fare test di sorveglianza a tappeto nella provincia, avremmo dovuto farlo da aprile. I test di sorveglianza sono quelli che vengono fatti alle persone a rischio - ha detto Furness - dovremmo testare gli insegnanti perché sono anche lavoratori ad alto rischio. Ma l'Ontario è stato molto risoluto nel non voler fare test di sorveglianza. Non stiamo cercando di controllare la trasmissione con i test, stiamo cercando di farlo con i lockdown. Peccato».

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
© Copyright M.T.E.C. Consultants LTD.
3800 Steels Ave. W., Suite 300, Vaughan ON, Canada
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.