CorrCan Media Group

Licenziato Blair, vice commissioner scomodo

Licenziato Blair, vice commissioner scomodo

TORONTO – Prima la polemica sulla nomina di Taverner a commissione dell’OPP, poi la soffiata sul camper da viaggio voluto dal premier Ford per i suoi spostamenti.

La sua presenza evidentemente era diventata scomoda al punto tale che è stato deciso il suo allontanamento. Il vice-commissione dell’Ontario Provincial Police (OPP) Brad Blair è stato licenziato su due piedi.

A darne notizia ieri è stata la portavoce dell’OPP: «Seguendo le direttive del vice- ministro del Ministry of Community Safety and Correctional Services approvate dal commissione di servizio pubblico, il vice commissioner Blair è stato licenziato questa mattina – ha detto il sergente Carolle Dionne – non ci è stato fornito alcun dettaglio sul motivo della risoluzione».

Del licenziamento di Blair il ministro del Community Safety and Correctional Services Sylvia Jones ha detto molto poco a Queen’s Park. «La commissione del servizio pubblico, in consultazione con l’OPP, ha preso una decisione indipendentemente dal sistema politico per porre fine all’impiego di Blair – ha detto – non farò commenti su questioni private dell’ufficio delle risorse umane, né dovrebbe farli nessun altro».

Da tempo Brad Blair era diventato una spina nel fianco per Doug Ford.

A dicembre ha chiesto ai tribunali di costringere il difensore civico della provincia a indagare sulla nomina del sovrintendente della polizia di Toronto Ron Taverner – stretto amico del premier Ford – a nuovo commissioner dell’OPP.

Considerate le “crescenti preoccupazioni di interferenze politiche” nel processo di assunzione Blair ha richiesto inizialmente una investigazione asserendo che quanto successo ha “influito profondamente sul morale degli ufficiali di grado”.

La nomina di Taverner è stata quindi posticipata fino al completamento dell’indagine del commissario per l’integrità. Blair, che era anche un candidato a commissioner dell’OPP, nel momento in cui ha originariamente intentato l’azione legale stava svolgendo le funzioni di vice-commissioner.

Per fare in modo che Taverner potesse essere nominato alla prestigiosa carica il governo Ford ha abbassato i requisiti necessari. A quel punto tra Ford e Blair è diventata guerra aperta senza esclusione di colpi. Blair ha minacciato di denunciare Ford perchè il premier – accusandolo di aver “violato il Police Services Act a causa della sua opposizione alla nomina di Taverner” – ha danneggiato la sua reputazione.

L’ex vice commissione dell’OPP è stato anche colui che ha denunciato la richiesta di Ford di avere un suv personalizzato – tv, mini-frigorifero, divano di pelle, scrivanie, sedie e altro ancora – che sarebbe costato ai contribuenti oltre 50mila dollari. Secondo Julian Falconer, avvocato di Blair, i commenti del premier Ford avevano lo scopo di intimidire il suo cliente.

Un portavoce di Ford ha negato però che le dichiarazioni del premier fossero una rappresaglia contro Blair. Di fatto da ieri Brad Blair non è più il vice commissioner dell’OPP.

More in Redazione