CorrCan Media Group

La Gm salva 300 posti di lavoro a Oshawa

La Gm salva 300 posti di lavoro a Oshawa

TORONTO – Circa il 10 per cento dei dipendenti della Gm di Oshawa manterrà il posto di lavoro. È questa la novità annunciata ieri dal presidente della General Motors Canada e dal capo del sindacato Unifor Jerry Dias durante una conferenza stampa.

A seguito di una lunga trattativa, il colosso americano di Detroit ha deciso di non chiudere completamente i battenti nello stabilimento di Oshawa, come invece aveva annunciato lo scorso novembre.

La Gm investirà 170 milioni di dollari per riconvertire la fabbrica che in futuro non produrrà più vetture ma pezzi di ricambio per automobili. Dei circa 3000 dipendenti attualmente impiegati, 300 manterranno il posto di lavoro.

La Gm ha poi annunciato che parte del terreno sul quale sorge lo stabilimento sarà utilizzato in futuro per effettuare test avanzati sulle automobili a guida autonoma, con una possibile crescita occupazionale anche per il Canadian Technical Centre della stessa General Motors in Ontario.

Con l’accordo stipulato dal sindacato dei metalmeccanici e dalla compagnia americana, viene attivato inoltre un pacchetto di incentivi per gli operai vicini al pensionamento, mentre la stessa General Motors si impegna al ricollocamento dei dipendenti che perderanno il lavoro dal prossimo dicembre.

Per questo a partire da giugno sarà aperto nello stabilimento un “Jobs Action Centre. che si occuperà di dare un sostegno concreto anche sul fronte della riqualificazione professionale degli operai di Oshawa.

“Scongiurando la chiusura dello stabilimento – ha dichiarato Dias – abbiamo assicurato il mantenimento di centinaia di posti di lavoro e la possibilità di crearne altri in futuro. Ci troviamo in una posizione nettamente migliore rispetto ad appena cinque mesi fa quando lo stabilimento era destinato alla chiusura definitiva”.

More in Redazione