CorrCan Media Group

Fedeli: «I conti non tornano, sacrifici in arrivo»

Fedeli: «I conti non tornano, sacrifici in arrivo»

TORONTO – I sacrifici sono dietro l’angolo. È quanto ha detto il ministro delle Finanze dell’Ontario Vic Fedeli facendo presente che, conti alla mano, il deficit che il governo ha ereditato dai liberali è di 15 miliardi di dollari.
A voler leggere tra le righe, dicono i critici, questo messaggio anticipa tagli significativi ai servizi governativi.
In un discorso all’Economic Club di Toronto, Vic Fedeli ha affermato che la provincia ha scelto di adottare le pratiche contabili utilizzate dal revisore generale nel rivedere il budget e le proiezioni del governo liberale recentemente sconfitto, e ha riscontrato un deficit maggiore di quanto non fosse stato anticipato.
«Il buco è profondo e richiederà a tutti di fare sacrifici senza eccezioni – ha detto Fedeli nel suo discorso, il suo primo discorso importante da quando ha assunto il portafoglio del Ministero delle Finanze – richiederà un’unità di intenti, una visione chiara e un sacco di duro lavoro».
Fedeli ha affermato che dopo che il governo Progressive Conservative ha preso in mano i libri della provincia, una commissione indipendente incaricata di esaminare le finanze dell’Ontario ha concluso che nell’ultimo anno fiscale i liberali avevano un deficit di $ 3,7 miliardi e che i conti non erano affatto bilanciati come sostenuto.
La commissione ha anche scoperto che i liberali hanno sovrastimato le loro entrate per questo anno fiscale, ridotto un fondo di riserva di $300 milioni e ha richiesto 1,4 miliardi di dollari in misure di riduzione dei costi che non sono state enunciate: «Una volta che tutti questi fattori sono stati presi in considerazione, il deficit previsto per il 2018-19 è salito a $15 miliardi dagli $11,7 miliardi previsti dal revisore generale», ha spiegato il ministro Fedeli.
Quanto tempo ci vorrà per riportare i conti della provincia “in nero” non è stato specificato da Fedeli anche se durante la loro campagna elettorale i conservatori hanno promesso che questi sarebbero tornati in pareggio entro la fine del loro mandato.
«Riporteremo il bilancio in pareggio in tempi ragionevoli, moderati e pragmatici – ha promesso Fedeli – quel che è certo è che lo faremo». I critici hanno avvertito la commissione – queste scoperte potrebbero essere utilizzate per giustificare tagli radicali – facendo notare che il Premier Doug Ford ha promesso di trovare miliardi nelle cosiddette “efficienze”.
Dal canto loro i liberali, che hanno accusato il governo di usare numeri gonfiati per il proprio guadagno politico, sostengono che le cifre citate dalla commissione erano note molto prima del-le elezioni. «È un contesto di tagli – ha detto il leader ad interim John Fraser – saranno profondi».
Il critico alle finanze dell’NDP Sandy Shaw ha definito il discorso di Fedeli un “recita teatrale” e ha osservato che i liberali si sono comportati allo stesso modo quando hanno preso il posto del Progressive Conservative nel 2003.
«Non ci sarà alcun alleggerimento, andranno solo a tagliare e privatizzare», ha detto. A intravedere il taglio di servizi e programmi è anche il leader del Green Party Mike Schreiner: anche se la Commissione dipinge un quadro desolante delle finanze dell’Ontario – ha detto – questo non dovrebbe essere usato per introdurre ampie misure di austerità.
«Riportare i conti in pareggio a spese dei nostri cittadini più vulnerabili è sbagliato e porterà solo a maggiori costi lungo la strada», ha detto Schreiner. Mentre l’annuncio fatto dal ministro mette in allarme i lavoratori della provincia, il presidente del Treasury Board, Peter Bethlenfalvy, ha dichiarato che il governo lavorerà con un servizio pubblico più ampio per trovare il modo di andare avanti senza minacciare i posti di lavoro. «Non si tratta di fare tagli – ha detto – si tratta di trasformare il modo in cui il governo gestisce le sue attività, di modernizzare i servizi governativi ».
Il governo ha anche ordinato un audit integrale delle spese governative, che dovrebbe essere completato nelle prossime settimane.

More in Redazione