CorrCan Media Group

Coronavirus, secondo caso di contagio a Toronto

Coronavirus, secondo caso di contagio a Toronto

Coronavirus, secondo caso di contagio a Toronto

TORONTO – Funzionari della sanità pubblica canadese hanno confermato un secondo caso “presunto” di contagio da coronavirus, a Toronto, e stanno osservando attentamente altre 19 persone che manifestano sintomi respiratori riconducibili alla malattia polmonare.

Tutti si erano di recente recati nella regione cinese di Hubei, dove si trova la città di Wuhan – considerata il focolaio primario del contagio – mentre i laboratori esaminano i risultati delle analisi a cui vengono sottoposti.

Christine Elliott, ministro della sanità dell’Ontario, ha ieri confermato che il secondo contagiato è la moglie del primo paziente canadese.

I due hanno dichiarato di aver lasciato Wuhan e di essere saliti a bordo del volo China Southern Airlines CZ311 – poi atterrato a Pearson, proveniente da Guangzhou – il 22 gennaio scorso.

Il primo paziente – un uomo sulla cinquantina – aveva già mostrato lievi sintomi a bordo del volo. Dal suo arrivo a Toronto, gli operatori sanitari stanno cercando di entrare in contatto con chiunque sedesse, vicino a lui, sull’aereo.

L’uomo rimane tuttora ricoverato al Sunnybrook Hospital, in condizioni stabili. Il ministro Elliott ha confermato ieri che la moglie dell’uomo rimane in isolamento – da sola, a casa sua – mentre “si continua ad indagare”.

La dottoressa Eileen de Villa, della sanità pubblica di Toronto, ha dichiarato che la moglie – una donna sulla cinquantina – è “asintomatica” ma viene comunque monitorata.

Il laboratorio nazionale di microbiologia di Winnipeg sta difatti tuttora sottoponendo ad analisi i campioni prelevati dalla donna, per la conferma della diagnosi. Il campione prelevato dalla donna è risultato positivo ai test effettuati presso il laboratorio di sanità pubblica dell’Ontario, a Toronto.

La dott.ssa Barbara Yae, Chief Medical Officer of Health associata dell’Ontario, ha dichiarato che – già dalla scorsa settimana – i funzionari della sanità pubblica sono entrati in contatto con 36 persone che temevano di essere state infettate dal coronavirus. Di queste, 19 sono sotto osservazione mentre attendono i risultati dei test.

Il capo della sanità dell’Ontario, il dottor David Williams, ha affermato che “molti di questi 19 pazienti sono in isolamento, negli ospedali della zona di Toronto”. Williams ritiene che – considerata la casistica di questi giorni, riscontrata in Cina – è “improbabile che tutte le 19 persone sotto osservazione risultino negative” al coronavirus.

C’è dunque da aspettarsi che nuovi casi di contagio vengano confermati nei prossimi giorni. “Immagino che vedremo alcuni altri casi di contagio – ha proseguito Williams – segnalati anche in altre parti dell’Ontario” ha concluso.

Ma la dottoressa Barbara Yaffe – ufficiale sanitario associato, per la provincia dell’Ontario – si è detta più ottimista, sostenendo che i 19 sotto osservazione potrebbero risultare negativi ai test. Tutte queste persone sotto osservazione sanitaria, in Ontario, avevano di recente viaggiato nella provincia di Hubei, dove è situata la città di Wuhan, epicentro del contagio da coronavirus 2019-nCoV.