CorrCan Media Group

Covid letale per anziani con patologie pregresse

Covid letale per anziani con patologie pregresse

Covid letale per anziani con patologie pregresse

TORONTO – Il Covid-19 colpisce duramente le persone in età avanzata con patologie pregresse. E se nella casistica delle vittime sono presenti anche giovani e giovanissimi, è evidente che il rischio aumenta di pari passo con gli anni e la cartella clinica dei pazienti.

A fornirci la nuova istantanea completa di quanto sta accadendo è l’Istituto Superiore di Sanità in Italia (ISS), l’ente che prima di tutti al mondo, con grande trasparenza e competenza, ha presentato alla comunità scientifica internazionale la mappatura medica, demografica e geografica delle vittime di Covid-19.

Dall’inizio della pandemia l’ISS ha pubblicato numerosi studi per capire il grado di incidenza del contagio e la capacità del Covid di aggredire le fasce più deboli della società. I numeri italiani sono comparabili con quello che sta accadendo anche qui in Canada, dove la maggior parte delle vittime sono anziani ricoverati nelle case di cura a lunga degenza.

L’Istituto ci consegna un rapporto che analizza per filo e per segno la situazione in Italia del 4 novembre 2020, quando in Italia le vittime erano 39.052.

Ma quali sono i dati principali dello studio? Innanzitutto, l’ISS conferma come il primo fattore decisivo nel pesante bilancio delle vittime sia quello che riguarda l’età: più è avanzata e più il paziente di Covid è a rischio.

L’età media dei pazienti deceduti e positivi al coronavirus è di 82-83 anni. Delle quasi 40mila vittime italiane, 16.037 avevano da 80 a 89 anni, 7.302 avevano più di 90 anni, 10.045 avevano tra i 70 e gli 80 anni. Su 39.052 vittime in Italia, appena 404 avevano meno di 50 anni. In particolare, 95 di queste avevano meno di 40 anni (65 uomini e 30 donne con età compresa tra 0 e 39 anni).

Tra loro solamente 14 non avevano diagnosticate patologie di rilievo. Ed eccolo quindi il secondo fattore decisivo, che spiega perfettamente le dinamiche di sviluppo del contagio e le conseguenze mediche per chi ha contratto il virus; la presenza o meno di malattie per il paziente prima del contagio.

Il tasso di mortalità per Covid-19 è caratterizzato dalle condizioni mediche preesistenti. Per analizzarle, l’Istituto Superiore di Sanità ha passato al vaglio le cartelle cliniche di 5.047 deceduti in Italia a causa del coronavirus. Il numero medio di patologie osservate in questo consistente campione di vittime è di 3,5.

Complessivamente, 173 pazienti (3,4 per cento del campione) presentavano 0 patologie, 662 (13,1 per cento) presentavano 1 patologia, 962 (19,1 per cento) presentavano 2 patologie e 3.250 (64,4 per cento) presentavano 3 o più patologie. Prima del ricovero in ospedale, il 21% dei pazienti morti positivi al virus seguiva una terapia con Ace inibitori e il 14% assumeva sartani (bloccanti del recettore per l’angiotensina). L’ipertensione è la patologia preesistente più frequente (nel 65,7% dei casi). La terapia antibiotica è stata comunemente utilizzata nel corso del ricovero (86,2% dei casi), meno usata quella antivirale (54,9%), più raramente la terapia steroidea (46,0%). Il comune utilizzo di terapia antibiotica può essere spiegato, si legge nel report, dalla presenza di sovrainfezioni o è compatibile con inizio terapia empirica in pazienti con polmonite, in attesa di conferma da esami di laboratorio di Covid-19. In 1296 casi (26,1%) sono state utilizzate tutte e tre le terapie. Al 4,5% dei pazienti deceduti positivi all’infezione da Sars-CoV-2 è stato somministrato Tocilizumab.

Infine il report fornisce i dati sui tempi mediani (in giorni) che trascorrono dall’insorgenza dei sintomi al decesso (12 giorni), dall’insorgenza dei sintomi al ricovero in ospedale (5 giorni) e dal ricovero in ospedale al decesso (7 giorni). Il tempo intercorso dal ricovero in ospedale al decesso è di 6 giorni più lungo in coloro che sono stati trasferiti in rianimazione rispetto agli altri. Questi dati non puntano affatto a voler minimizzare l’impatto del Covid-19 su tutte le fasce della popolazione.

In tutto il mondo esistono tanti casi di decessi di persone giovani e sanissime e questo rappresenta un dato di fatto del quale si deve sempre tenere conto. Allo stesso tempo però i virologi e gli epidemiologi impegnati nella ricerca di terapie e cure efficaci contro il coronavirus confermano come la malattia non colpisca tutti, indistintamente e allo stesso modo. Il Covid aggredisce soprattutto i più deboli. E non tanto nella fase del contagio, laddove il virus colpisce senza guardare la carta d’identità o la cartella clinica della sua vittima, ma in quella successiva.

La comunità scientifica deve trovare ancora le risposte alle tante sfide lanciate da questa terribile pandemia.