CorrCan Media Group

Quando votare non serve: boom di politici acclamati

Quando votare non serve: boom di politici acclamati

TORONTO – East Garafraxa è una piccola comunità rurale di appena 2.579 anime a 19 chilometri da Orangeville. Lunedì prossimo, quando nel resto dell’Ontario i cittadini saranno chiamati a votare per il rinnovo dei consigli comunali e delle cariche di sindaco, gli abitanti di East Garafraxa potranno continuare a dedicarsi alle loro faccende quotidiane senza andare alle urne. In questa cittadina, infatti, il sindaco Guy Gardhouse, il suo vice John Stirk e i tre consiglieri comunali Lenora Banfield, Tom Nevills e Fran Pinkney sono già stati acclamati: in sostanza nessuno si è candidato contro di loro e i cinque rappresentanti di City Hall si sono garantiti la rielezione senza alcun problema. Ma quello che è successo a East Garafraxa, a differenza di quanto si possa pensare, non è affatto un eccezione. Stando ai dati presentanti dall’Association of Municipalities of Ontario (AMO) siamo di fronte a un fenomeno estremamente esteso che riguarda moltissimi Comuni nella nostra provincia.

Su 444 municipalità dell’Ontario, in 26 i cittadini non saranno chiamati a votare: vista la mancanza di sfidanti, i consigli comunali sono stati confermati in blocco. Alle elezioni amministrative di quattro anni fa, i comuni senza voto erano stati 18.

Sono invece 120 – rispetto ai 103 del 2014 – le cariche di sindaco, vice sindaco o presidente di giunta nei piccoli comuni che sono state assegnate per acclamazione, mentre il totale dei consiglieri comunali che sono stati acclamati per mancanza di un altro candidato è arrivato a quota 477, rispetto ai 390 dell’ultima tornata elettorale.

Insomma, si tratta di una tendenza in crescita, che va di pari passo – peraltro – con la progressiva disaffezione degli elettori che sempre più spesso decidono di disertare l’appuntamento alle urne: lo testimonia il progressivo calo dell’affluenza.

La direttrice esecutiva dell’Amo Pat Vanini ha cercato di spiegare alcuni dei ragioni alla base di questo fenomeno. Bisogna infatti capire che gli stipendi nelle piccole comunità rurali dell’Ontario sono lontani anni luce da quelli a sei cifre di Toronto, Vaughan o Brampton. In molte cittadine – dice Vanini – il salario annuale medio di un consigliere comunale va dai 12mila ai 15mila dollari, uno stipendio talmente basso che allontana parecchi potenziali candidati. Oltre a questo, per la mancanza di una struttura amministrativa articolata ed efficiente, i consiglieri comunali devono arrangiarsi nei loro uffici senza collaboratori, lavorando anche al di fuori dell’orario di lavoro. Se nelle grandi città la prospettiva di “entrare in politica” è ancora estremamente allettante, nelle realtà più piccole mancano reali incentivi a fare il grande passo.

In ogni caso la tendenza non è del tutto recente. Esistono tantissime municipalità sparse per tutto l’Ontario dove l’esercizio del voto democratico per le cariche comunali è diventata una pratica arcaica, ormai in disuso. A East Hawkesbury, ad esempio, il sindaco uscente Robert Kirby è sicuro di mantenere la sua carica per mancanza di avversari. Kirby – racconta la Cbc – è stato acclamato sindaco per la prima volta nel 2003 e da allora nessuno lo ha mai votato: ha sempre vinto per acclamazione. Stesso discorso per il suo vice, Richard Sauvé, sempre acclamato dal 2003 e presente in consiglio comunale da 28 anni. In questo arco di tempo, solamente in un’occasione è dovuto passare al vaglio degli elettori, tutte le altre volte ha avuto la strada spianata dalla mancanza di avversari alle elezioni.

A Inniskillen il tre volte sindaco Kevin Marriot continuerà a ricoprire la carica anche per i prossimi quattro anni. E se quando era stato consigliere comunale aveva dovuto sudarsi la vittoria alle urne, dal 2007 è stato acclamato sindaco della cittadina con 2.700 abitanti. “C’è un grande senso di responsabilità civica per quelli che decidono di candidarsi – continua Vanini – e la voglia di restituire alla propria comunità. Ma è interessante vedere se con il passare del tempo alcuni di questi fattori tendano o meno a stemperare quell’interesse. Le acclamazioni possono avere anche un altro significato: semplicemente non c’è nessuno interessato a fare quel lavoro”.

More in Politica