CorrCan Media Group

«Mai fatto pressioni a Wilson-Raybould»

«Mai fatto pressioni a Wilson-Raybould»

TORONTO – Ieri il primo ministro Justin Trudeau ha negato categoricamente che alti funzionari del suo ufficio hanno sollecitato l’ex ministro della giustizia Wilson-Raybould a cercare la mediazione invece di intentare accuse penali contro l’importante società di ingegneria del Quebec, la SNC-Lavalin.

«Le accuse nell’articolo del Globe and Mail di questa mattina sono false – ha detto Trudeau ai giornalisti – né l’attuale né il precedente procuratore generale sono stati guidati da me o da qualcuno nel mio ufficio nel prendere una decisione in merito».

Lo ha detto e lo ha ripetuto – tre volte in inglese e due in francese – Trudeau: nessuno nel suo ufficio ha diretto Wilson-Raybould o il suo sostituto David Lametti a prendere “qualsiasi decisione” nel procedimento contro SNC-Lavalin.

Nonostante il primo ministro abbia negato con forza l’asserzione del quotidiano lo scetticismo aleggia: il Globe ha scritto che Jody Wilson-Raybould è stata allontanata dal suo incarico dopo aver rifiutato la richiesta di dirigere l’ufficio di pubblica accusa indipendente a negoziare un accordo di risanamento che avrebbe portato l’azienda ad evitare ogni sorta di responsabilità penali per le azioni che sarebbero state state intraprese da singoli dipendenti.

La risposta data da Trudeau non ha a.atto convinto il leader del Progressive Conservative federale Andrew Scheer: «È chiaro che il primo ministro sta nascondendo qualcosa perché non è stato molto trasparente ed è tornato su una linea che sembrava costruita dagli avvocati», è stato il suo commento.

Durante la conferenza Trudeau è stato incalzato dai reporter anche sull’estradizione negli Usa di Meng Wanzhou e sulla politicizzazione del sistema giudiziario: il primo ministro ha insistito nel ribadire che «siamo stati coerenti, il Canada è un paese di diritto che rispetta il sistema giudiziario indipendente e lo farà sempre.

È qualcosa che abbiamo difeso sulla scena internazionale, è anche qualcosa che mettiamo in pratica nel nostro paese». Durante la sua visita a Maple il primo ministro ha messo in luce un investimento di oltre 1,8 miliardi di dollari da parte del governo per espandere le infrastrutture di trasporto pubblico GO, tra Barrie e Union Station a Toronto.

Questi miglioramenti saranno finanziati come parte del progetto GO Expansion già in corso, il più grande progetto di transito che il governo federale abbia mai finanziato.

All’annuncio dell’investimento non è stato presente il sindaco di Vaughan Bevilacqua. Il Corriere ha provato a contattarlo tramite email ma non ha ottenuto risposta.

More in Politica