CorrCan Media Group

Il calcio italocanadese celebra i suoi pionieri

Il calcio italocanadese celebra i suoi pionieri

  TORONTO – Un gruppetto di autorevoli personaggi che hanno lasciato un segno indelebile nella storia del calcio italo canadese di Toronto verranno introdotti la sera del 13 aprile prossimo nella Hall of Fame.
La Hall on Fame è il riconoscimento istituito nel 2017 dal Toronto Azzurri Soccer Club per celebrare le figure che hanno “fatto”, a costo di notevoli sacrifici finanziari, la storia del nostro soccer, in differenti ruoli e in differenti epoche.
Nella galleria dei famosi troveranno prossimamente posto Ted Laraia, Mario Di Bartolomeo, Joe Piccininni, Fiorigi Pagliuso, Hector Marinaro Sr, Domenic Matera, Orazio De Ciantis, Giorgio Piotti, Carmine Marcantonio e i fratelli Carmine e Bruno De Nino.
Questi personaggi hanno contribuito a “fare” il calcio a Toronto. Se oggi il pallone ha preso piede anche qui, lo si deve a loro, i pionieri. 
Gente che si  è battuta in prima linea per il calcio, quando questo sport era considerato bush league, sport di terza categoria. 
In quei tempi la stampa inglese ci “inzuppava il pane” ogni volta che sui campi succedeva qualcosa. 
Ogni piccolezza era buona per puntualizzare che i tifosi del calcio erano gli emigrati, allora appena tollerati, mai accettati e trattati come uguali dall'establishment anglosassone.
Oggi le cose sono cambiate. Oggi il vecchio e vituperato soccer in termini di presigio, spettatori e popolarità ha raggiunto i livelli delle nazioni calcisticamente all'avanguardia, tecnicamente e tatticamente ancora non ci siamo, ma manca poco.
Il successo del Toronto Fc ha la sua base nei tifosi. 
Quei tifosi sono i figli e i nipoti dei pionieri, ragazzi cresciuti a pane e pallone, davanti alle tv europee che trasmettevano i gol di Paolo Rossi, Maradona, e Platini.
Il gruppo Toronto Azzurri, che opera dalla sede Villaggio Azzurro, nella cui sede risiede stabilmente la sezione The Toronto Azzuri Hall of Fame, si è assunto il compito di tenere viva la memoria del nostro calcio, anche fisicamente, attraverso l'annuale aggiunta di nomi meritevoli.
Nella circostanza sarà celebrato anche il 50mo anniversario degli Azzurri, la a squadra top del vivaio Westwood Young Generation fondata a St Clair per inziativa dei compianti Aldo Principe e Nino Sinicropi.
 La “Hall of Fame”, che attualmente conta una rosa di 12 personaggi, si propone come un riconoscimento ideale e di prestigio da affiggere all’interno del complesso Toronto Azzurri Youth Sports Village di Keele Street, la “casa” della memoria storica del calcio italo-canadese.
A scegliere annualmente i componenti della Hall of Fame sono I dirigenti del Toronto Azzurri: Roberto Iarusci, Tony Graci, Ralph Ciccia, Vince Iarusci, Fortunato Febbraro, Gus Mandarino, Orazio De Ciantis, Tony Cipriani, Frank Iaizzo, Pat Pietrantonio. 
In questa ocasione hanno scelto di assegnare 9 posti individuali ed uno speciale ai due fratelli Di Nino. 
Ecco i premiati divisi per categorie.
Builders/Pioneers
Ted Laraia, presidente proprietario della squadra Roma che ha disputato i campionati della Eastern Canadian Professional Soccer Laegue dal 1961 al 1967.
Mario Di Bartolomeo, presidente proprietario delle squadre Italo-Canadians (Nsl, 1976-1980) e Hamilton Steelers (Canadian Professional League (1981-84).
Joe Piccininni, presidente della National Soccer League (1960/70).
Managers/Coaches
Fiorigi Pagliuso, allenatore Toronto Azzurri 1968-73 e Toronto Italia (1974-76), campione del Canada in due occasioni.
Hector Marinaro Sr., allenatore Toronto Italia, Nsl 1966; Toronto Falcons Npsl, 1967; OSA staff coach, 1971-76; Toronto Blizzard, CSL, 1986-91; Toronto Rockets, 1991-94; general manager Toronto Shooting Stars, 1996-98).
Domenic Matera, general manager Toronto Blizzard, anni 90.
 Orazio De Ciantis, portiere con    Westwood Mio Major, Pratola, Toronto Azzurri, Toronto Italia, Sora, San Fili e Nazionale Canadese. Come allenatore ha allenato “Malton Bullets” per 9 anni vincendo numerosi campionati , 4 Ontario Cups e   2 volte il titolo di campione del Canada. 
Players
Giorgio Piotti, leggendario attaccante argentino di origini italiane, punto di forza della Toronto Italia anni 60/70.
Carmine Marcantonio, provetto della Westwood Young Generation, Tronto Italia 1973-76; Toronto Metros Croazia, NASL, 1976 anno in cui vinse il campionato nordamericano; Washington Diplomats 78-80; Montreal Manic 1981-84; Ny Arros 84-85.
Special Recognition
Carme e Bruno De Nino, fondatori nel 1966 dell'Olympic Trophies; sostenitori e patrocinatori del calcio italocanadese per 50 anni.
La festa il 13 aprile
La festa della Hall of Fame edizione 2018 si terrà il 13 aprile prossimo, presso la sala La Primavera.
Per informazioni e biglietti si prega di rivolgersi a: Toronto Azzurri Sc, 4995 Keele Street, Toronto M3J 3B2, tel. 416-782-1578.
E mail: mary.severino@Torontoazzurri. com
 
More in Politica