CorrCan Media Group

Del Duca vince la leadership Ford, Ndp e Liuna all’attacco

Del Duca vince la leadership Ford, Ndp e Liuna all’attacco

Del Duca vince la leadership Ford, Ndp e Liuna all’attacco

TORONTO – Tutto secondo copione. Steven Del Duca ha stravinto la leadership alla convention di Mississauga ed è diventato il nuovo leader del Partito Liberale dell’Ontario.

L’ex ministro dei Trasporti, grande favorito della vigilia, si è assicurato la vittoria alla prima votazione, grazie al sostegno di 1258 delegati, pari al 58 per cento degli aventi diritto: per vincere al primo turno gli sarebbero bastati il 50 per cento più un voto dei delegati presenti.

Non c’è stata partita quindi per altri cinque candidati. Michael Coteau si è fermato a 363 voti (16,9 per cento) Kate Graham è arrivato terzo con 299 preferenze (13,9 per cento), mentre Mitzie Hunter non è andata oltre 122 voti (5,7 per cento).

Molto staccati gli altri due candidati: Alvin Tedjo ha preso appena 74 voti, Brenda Hollingsworth si è fermata a quota 24.

Del Duca ha presentato un programma ben preciso, che si appresta a tradurre nella piattaforma elettorale del partito in vista delle elezioni provinciali del 2022: stop ai tagli nella sanità e nell’istruzione portati avanti dal governo Ford e riattivazione dei progetti tagliati dall’esecutivo conservatore a favore dell’ambiente e contro l’inquinamento atmosferico.

Ma la sua elezione è stata il bersaglio di un fuoco incrociato da parte degli altri partiti. I conservatori hanno subito rimarcato la continuità tra Del Duca e il precedente governo liberale. Su Twitter il messaggio dei tory provinciali è stato chiaro: “Vi ricordiamo il lascito di Del Duca e Wynne: prezzi delle bollette della luce alle stelle, debito e deficit fuori controllo, 300mila posti di lavoro persi”.

Del Duca ha risposto alle critiche, sottolineando come “questi attacchi dimostrano quanto i conservatori siano disperati”.

Anche l’Ndp ha ribadito che la vittoria di Del Duca rappresenta un ritorno al passato, visti gli incarichi di governo ricoperti dal nuovo leader liberale con la premier Kathleen Wynne.

Oltre a questo, c’è grande fermento anche nel settore sindacale. Non si sono ancora rimarginate, infatti, le ferite dello scontro nel mondo del lavoro e questo potrebbe avere delle conseguenze importanti.

Lapidario il tweet di Joe Mancinelli, vice presidente di Liuna. “Steven Del Duca ha attaccato i lavoratori e le lavoratrici che hanno costruito la provincia dell’Ontario. Lui ha diretto un attacco contro i membri del Liuna e lo ha affossato nel budget. Ha perso il suo seggio. Ha perso il rispetto. I membri del Liuna non sosterranno uno che ha attaccato i loro diritti acquisiti”.