CorrCan Media Group

Amanda Simard lascia i conservatori

Amanda Simard lascia i conservatori

TORONTO – Non ha addotto nessuna ragione ma la sua decisione è arrivata dopo essersi schierata contro il suo partito – il Progressive Conservative – riguardo i tagli alle politiche sulle minoranze francofone in Ontario.

L’mpp Amanda Simard ha lasciato il caucus del PC e siederà a Queen’s Park come indipendente. La rappresentante del distretto di Glengarry-Prescott-Russell ha annunciato la sua scelta con una lettera all’ufficio dello speaker.

Che l’idillio con partito si fosse rotto è apparso chiaro quando la scorsa settimana la Simard ha apertamente manifestato il suo disappunto alla decisione del premier Ford di operare dei tagli ai programmi di lingua francese della provincia: la deputata ha votato al fianco dell’Ndp una mozione – che è stata sconfitta – nella quale venivano condannati i tagli ai finanziamenti, l’eliminazione del French Language Services Commissioner e l’annullamento della creazione di una università di lingua francese in Ontario.

Tagli, questi, operati dal governo Ford come parte del piano per riuscire a pareggiare il budget e che hanno scatenato l’ira dei francofoni, del governo federale e del nuovo premier del Quebec Francois Legault.

Ma mentre la Simard non ha voluto motivare la sua decisione il premier non ha perso tempo per dire che “la scelta di andare via è stata sua”. «Il partito è più unito che mai – ha dichiarato il portavoce di Ford Simon Jefferies – auguriamo ad Amanda Simard ogni bene come indipendente. È un peccato che abbia scelto di non lavorare per i suoi elettori all’interno del governo».

Amanda Simard è al suo primo mandato a Queen’s Park in rappresentanza di un distretto che conta molti francofoni. Un recente censimento ha indicato che il 66% della popolazione del suo riding è in grado di condurre una conversazione in entrambe le lingue ufficiali.

La Simard è la prima mpp non liberale del distretto che è stato creato nel 1999 e che in ciascuna delle precedenti elezioni ha votato il candidato del partito liberale.

La presa di posizione decisa dell’mpp è stata accolta favorevolmente dai sindaci di alcune delle più grandi comunità nel riding della Simard: «Sono delusa dal fatto che Ford non l’abbia consultata prima di apportare le modifiche – ha detto Jeanne Charlebois, sindaco di Hawkesbury – non sono invece per nulla delusa da Amanda che non ha tentennato, è rimasta ferma sulla sua posizione. Sono molto orgogliosa del suo comportamento».

«Nutro grande rispetto per la Simard per essere stata risoluta e determinata e non aver accettato qualcosa con cui non è d’accordo», ha aggiunto Clarence-Rockland Guy Desjardins che ha manifestato qualche preoccupazione per il fatto che alcune questioni comunitarie, ora che la loro mpp non è un membro del partito al governo, potrebbero diventare meno prioritarie. Elogi alla ormai ex mpp del Progressive Conservative sono stati fatti da Carol Jobin, presidente dell’Assemblée de la francophonie de l’Ontario: «È una persona con principi e una alleata dei francofoni dell’Ontario», ha detto.

More in Politica