Un senso di scopo perso

di corriere canadese del March 2, 2021

Il 12 giugno 1984, il premier dell’Ontario Bill Davis sorprese tutti con l’annuncio che le scuole cattoliche romane della provincia sarebbero state messe sullo stesso piano del sistema scolastico pubblico e sarebbero state completamente finanziate fino alla fine delle scuole superiori. La fine della lunga lotta per assicurarsi i finanziamenti - che includeva intensi sforzi di lobbying da parte del cardinale Gerald Emmett Carter - ha anche fatto uscire alcune parole di cautela da P. Tom Raby del Catholic Register nella sua colonna del 30 giugno 1984.

TORONTO - La lotta è stata lunga. Era in corso dalla Confederazione. Ma finì il 12 giugno quando il premier Davis dell’Ontario annunciò lo stesso finanziamento per le scuole cattoliche in tutti i gradi.

Tutti i partiti della legislatura hanno applaudito a questa decisione che ha posto fine a più di 100 anni di ingiustizia nel finanziamento scolastico che ha causato un disagio speciale ai genitori dei bambini nelle scuole secondarie cattoliche e nei consigli scolastici che li gestivano. Mentre le classi elementari ricevevano maggiori sovvenzioni statali nel corso degli anni, quelle al livello superiore ricevevano poco o nessun aiuto, costringendo genitori e parrocchie a sostenere queste scuole attraverso tariffe e sussidi.

Dovremmo essere grati al Premier Davis e a tutti coloro che lo hanno sostenuto in questa decisione di fornire pari assistenza finanziaria alle nostre scuole cattoliche.

Ma ora che è in arrivo un finanziamento paritario, dobbiamo essere più vigili che mai affinché le nostre scuole cattoliche rimangano cattoliche nei loro obiettivi e fini indicati che sono tutti diretti allo sviluppo spirituale e morale degli studenti, nonché alla loro crescita intellettuale e fisica.

Insegnanti, amministratori e genitori non devono perdere di vista l’intero scopo per il quale le nostre scuole cattoliche sono state istituite e mantenute nel corso degli anni con grande sacrificio finanziario. Essi devono impegnarsi a mantenere questi obiettivi accettando la sfida di altri sacrifici ancora più importanti.

Il peggior nemico del nostro sistema scolastico cattolico non è un insegnante non cattolico che voglia insegnarvi, o i bambini non cattolici che possono frequentare, ma i nostri genitori e insegnanti cattolici che non sono abbastanza impegnati nella loro fede cattolica per fare i sacrifici necessari per insegnarlo nel modo più efficace, con l’esempio di viverlo quotidianamente.

Per anni, gli obblighi che incombono a genitori e insegnanti per contribuire a mantenere il sistema scolastico cattolico richiedevano un sacrificio a cui solo una dedica a una causa potesse rispondere. Spesso il sacrificio era in salari più bassi per gli insegnanti, strutture più povere per gli studenti e costi aggiuntivi da parte dei genitori.

Tuttavia, man mano che gli oneri finanziari vengono alleggeriti, c’è il pericolo che alcuni pensino che non sia necessario un ulteriore impegno o spirito di sacrificio. Deve essere lì in altri modi tenendo davanti a noi tutta l’urgenza di sviluppare la fede con l’istruzione e l’esempio la caratteristica distintiva delle nostre scuole cattoliche.

Se ciò andrà perduto, le nostre scuole diventeranno indistinguibili da qualsiasi altro sistema pienamente sostenuto dalle tasse anche nella formazione morale e religiosa. I sacrifici finanziari necessari nel corso degli anni devono ora essere sostituiti da un altro, che per alcuni può essere più difficile. Questo è il sacrificio di insegnanti, genitori e amministratori che hanno bisogno di essere più impegnati che mai a vivere la loro fede cattolica con la pratica aperta e verso l’interno, governando la loro vita secondo i suoi principi morali, sostenendo la Chiesa nel suo insegnamento e nella parrocchia locale nel suo culto e negli sforzi per rendere Cristo presente nella fede quotidiana e nell’amore del suo popolo.

Questa nuova assistenza finanziaria può essere positiva solo se lo spirito di sacrificio finanziario necessario per gestire le nostre scuole in passato continua in uno spirito di impegno per mantenere lo spirito e gli obiettivi cristiani in futuro.

Qualcuno una volta disse: "La Chiesa non è mai così povera come quando è ricca". Questo non deve accadere alle nostre scuole cattoliche o l’intero paese sarà più povero.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.