CorrCan Media Group

Strage di anziani al Camilla Care: 48 morti

Strage di anziani al Camilla Care: 48 morti

Strage di anziani al Camilla Care: 48 morti

TORONTO – La strage silenziosa tra le mura delle strutture di cure a lunga degenza continua senza sosta.

È di quarantotto residenti il bilancio delle vittime del Covid-19 nella Camilla Care Community di Mississauga.

Stando alle dichiarazioni di un portavoce della struttura sono complessivamente 152 gli anziani risultati positivi al virus, 102 in più dal 29 aprile. Settantadue delle persone contagiate hanno ancora il virus mentre 37 sono guariti.

I membri del personale impiegato nella residenza di cura che hanno contratto il coronavirus sono 42.

“Siamo tristemente addolorati per la perdita dei 48 residenti che sono risultati positivi e porgiamo le nostre più sentite condoglianze alle famiglie per la perdita dei propri cari”, ha dichiarato il portavoce della Camilla Care Community.

La struttura con 236 posti letto, situata vicino a Queensway West e Hurontario Street, è gestita da Sienna Senior Living, che sovrintende anche alla Altamont Care Community.

Fino a ieri la struttura a lungo termine di Scarborough ha riportato 46 morti per il Covid tra i suoi residenti oltre a quella di un’addetta all’assistenza personale. Altre tre case di cura a lungo termine nella provincia – Orchard Villa a Pickering, Eatonville Care Centre a Etobicoke e Forest Heights a Kitchener – hanno segnalato più di 40 decessi.

Orchard Villa, Altamont Care Community e Eatonville Care Centre sono tra le cinque strutture nella Greater Toronto Area che, considerata la gravità della situazione, hanno ricevuto ulteriore supporto dalle forze armate canadesi.

Il dottor Lawrence Loh, funzionario medico della Peel Region, ha dichiarato che, nel tentativo di limitare ulteriormente la dižusione del virus, in 27 delle 28 strutture di assistenza a lunga degenza della Peel Region sono stati completati i test su residenti e membri del personale, e che presto verranno fatti i tamponi agli anziani delle case di riposo.

È in salita il numero delle vittime a Villa Colombo Vaughan Di Poce Centre dove, stando all’ultimo aggiornamento sul sito web a firma di Joseph Gulizia, presidente/Ceo di UniversalCare del 5 maggio, sono 17 gli anziani morti mentre i residenti positivi sono 25, quelli negativi 114. Tra i membri dello staž sono 21 i positivi e 27 quelli risultati negativi al tampone.

Si è diffžuso a tutto tondo il virus alla Shelburne Residence dove, secondo il Wellington-Dufferin-Guelph Public Health, dei 60 residenti ospitati dalla struttura 55 hanno contratto il coronavirus dei quali 15 sono deceduti. Il dipartimento di sanità pubblica ha riferito che 22 membri del personale sono risultati positivi.

Sono complessivamente 174 le strutture di assistenza a lunga degenza nella provincia dove si è sviluppato un focolaio di Covid-19 causando la morte di oltre 1.000 residenti.