CorrCan Media Group

Scuola, arriva un’altra settimana di passione

Scuola, arriva un’altra settimana di passione

Scuola, arriva un’altra settimana di passione

TORONTO – Prosegue senza sosta l’escalation di scioperi nelle scuole della provincia.

Ieri, come previsto, sono state cancellate le lezioni di quasi un milione di bambini iscritti alle scuole elementari pubbliche in ogni angolo dell’Ontario.

Tra i nove provveditorati che invece oggi sono interessati dalla serrata ci sono anche quelli di Toronto, York ed Hamilton-Wentworth.

La decisione dell’Elementary Teachers’ Federation of Ontario (ETFO) di organizzare astensioni dal lavoro a rotazione quattro giorni la settimana ed una a livello provinciale fa sì che ogni studente perda quattro giorni di scuola ogni due settimane.

Intanto, dopo l’interruzione dei negoziati di venerdì scorso, non c’è nulla che possa far prevedere un accordo tra il governo e l’ETFO in tempi brevi.

Trattative in fase di stallo sono anche quelle con l’Ontario Secondary School Teachers’ Federation (OSSTF) i cui rappresentanti non hanno più incontrato quelli del governo dalla metà di dicembre.

Non è molto diversa la situazione nelle scuole cattoliche elementari e superiori della provincia: i negoziati sono iniziati lunedì ma i progressi verso una intesa sono ancora in alto mare. «Non ci sono stati passi avanti veri e propri», ha tuonato la presidente dell’Ontario English Catholic Teachers’ Association (OECTA) Liz Stuart.

Lo sciopero in programma martedì scorso in tutto l’Ontario è stato quindi messo in atto e 500mila ragazzi sono rimasti a casa. Un’altra settimana è giunta al termine ma il mondo della scuola continua ad essere in balia delle onde.

L’EFTO ha messo in atto un braccio di ferro con il governo Ford ed ha infatti già annunciato le serrate della prossima settimana: lunedì si asterranno dal lavoro i maestri dei provveditorati di Durham ed Halton, mercoledì quelli del provveditorato di Toronto, giovedì a restare chiuse saranno le scuole dei board di Peel e York Region.

Lo sciopero generale si terrà martedì con 83mila insegnanti che incroceranno le braccia in tutta la provincia.

«Gli 83mila docenti della scuola elementare pubblica dell’ETFO faranno di nuovo picchetti la prossima settimana nella speranza che il governo e il ministro dell’Istruzione Lecce tornino ai negoziati con la volontà di sostenere l’istruzione pubblica», ha dichiarato il presidente dell’ETFO Sam Hammond.