CorrCan Media Group

Sbloccate 500mila mascherine, ma non basta

Sbloccate 500mila mascherine, ma non basta

Sbloccate 500mila mascherine, ma non basta

TORONTO – Un carico di 500mila mascherine destinate all’Ontario, fermato domenica notte alla frontiera tra gli Stati Uniti e il Canada, è stato sbloccato. A confermare la notizia ieri è stato il premier dell’Ontario Doug Ford durante la consueta conferenza stampa alla quale ha preso parte anche il ministro dell’Istruzione Stephen Lecce.

Ricevere le mascherine N-95 è per la provincia, ha sottolineato Ford, di importanza cruciale dal momento che senza l’arrivo di questa partita di mascherine, gli operatori sanitari in prima linea, entro una settimana sarebbero rimasti senza l’importante dispositivo di protezione individuale.

Mai come in questo momento mascherine, guanti e camici, sono necessari per poter contrastare la diffusione del Covid-19. L’arrivo di queste mascherine sopperisce, almeno momentaneamente, alla carenza che ogni giorno diventa sempre più seria.

«La provincia ha ordinato all’incirca tre o quattro milioni di mascherine mediche al fornitore americano 3M del South Dakota solo per vederle bloccate al confine domenica in mezzo alla pandemia di coronavirus», ha detto stizzito il premier. «Con le 500mila mascherine in arrivo gli operatori sanitari della nostra provincia dovrebbero essere protetti per un’altra settimana, la situazione rimane però gravissima. Non voglio gridare al lupo a meno che non sia necessario, ma questa è la realtà, davvero».

Il premier Ford ha dichiarato di aver espresso le sue preoccupazioni all’ambasciatore commerciale degli Stati Uniti, e di avergli fatto presente che l’Ontario ha un “disperato bisogno” delle mascherine, questione, questa, che ha spinto anche il primo ministro Justin Trudeau ad avere dei colloqui “produttivi e positivi” con gli Stati Uniti sul destino dell’articolo sanitario. Un bisogno urgente, quello delle mascherine, che aveva spinto la provincia ad esplorare altre opzioni tra le quali quella di chiedere aiuto all’Asia.

Nei giorni scorsi Ford ha criticato apertamente la mossa di Trump per fermare le spedizioni, definendola “inaccettabile” e promettendo di accelerare la produzione propria di dispositivi di protezione individuale dell’Ontario. La prossima settimana, infatti, una azienda di Woodbridge inizierà a produrre un milione di mascherine.

Ieri, intanto, sono iniziate le lezioni online per gli studenti della provincia. Durante la conferenza stampa il ministro Lecce, ha ricordato che la chiusura delle scuole si protrarrà almeno fino al 4 maggio, ed ha lanciato il portale Support for Families che offre assegni e depositi diretti di $200 per ogni bambino di età pari o inferiore a 12 anni e $ 250 per persone a carico con esigenze speciali, dalla nascita fino ai 21 anni.

Nel tentativo di accelerare l’elaborazione dei pagamenti, il governo si è rivolto al sito web Support For Parents già esistente, utilizzato per aiutare le famiglie colpite da scioperi scolastici e chiusure scolastiche tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020.