Quasi 12.000 bimbi
in attesa di essere operati

di Mariella Policheni del 23 January 2023

TORONTO - Sono quasi 12.000 i bambini in lista d’attesa per interventi chirurgici in tutto l’Ontario, una situazione che secondo i funzionari di quattro importanti ospedali pediatrici fa parte di un problema molto più grande che necessita dell’aiuto della provincia per essere risolto.

Circa la metà degli 11.789 bambini - è questo il numero preciso - sta aspettando oltre i tempi di attesa clinicamente raccomandati.

Un’ondata di malattie respiratorie virali, guidate da un ceppo particolarmente grave dell’influenza e del virus respiratorio sinciziale, si sono abbattute sull’Hospital for Sick Children di Toronto, il McMaster Children’s Hospital di Hamilton, il Children’s Hospital del London Health Sciences Centre e il CHEO, un ospedale e centro di ricerca di Ottawa.

Gli ospedali affermano che l’ondata si è attenuata dopo tre mesi difficili che hanno visto gli interventi chirurgici annullati e il personale ridistribuito per aiutare i pronto soccorso e le unità di terapia intensiva sovraccarichi di pazienti. Ma in quel periodo, la lista d’attesa chirurgica ha continuato a lievitare. "Il fatto che ora siamo usciti dall’emergenza e siamo ancora in grande difficoltà dimostra che abbiamo davvero bisogno di grandi investimenti", ha affermato Bruce Squires, presidente del McMaster Children’s Hospital. La lista d’attesa chirurgica in questo ospedale è di 2.332 bambini, ha affermato Squires, aggiungendo che ben il 69% di tali procedure va oltre i tempi di attesa clinicamente raccomandati. “È necessario personale di sala operatoria più specializzato, come infermieri e anestesisti, per affrontare la situazione”, ha affermato il dottor Squires.

È proprio il personale il problema principale che impedisce ai quattro ospedali di intensificare gli interventi chirurgici.

Il SickKids, che è tornato all’85% della capacità chirurgica, ha fatto presente che la lista d’attesa è destinata ad allungarsi anche se verranno ripristinati i livelli di servizio completo. “Per un periodo dell’anno scorso, SickKids ha operato al 100% della capacità e la lista d’attesa è aumentata del 15% - ha affermato il dottor Simon Kelley, chirurgo e capo associato dei servizi perioperatori dell’ospedale - la lista d’attesa ora è di 6.301 procedure”.

Kelley ha affermato che l’ospedale sta lavorando con le strutture regionali per lanciare un nuovo modello che vedrebbe gli ospedali della comunità fare più interventi chirurgici pediatrici, probabilmente quelli più semplici. “Dobbiamo davvero pensare a come riprogettare la chirurgia pediatrica e il modo con cui il servizio viene offerto in tutta la provincia", ha affermato Kelley.

Sembra invece che prove di dialogo tra il governo di Ottawa e i premier delle province e dei territori canadesi siano in corso.

Un deciso "cambio di tono" nelle ultime settimane ha portato Ottawa più vicina che mai al raggiungimento di un accordo sui finanziamenti per l’assistenza sanitaria che porrebbe fine a una situazione di stallo tra i premier e il governo federale. A dichiararlo è il ministro della Salute Jean-Yves Duclos.

Parlando ai giornalisti a Ottawa Duclos ha affermato di ritenere che nelle prossime settimane si potrebbe giungere a un accordo che vedrebbe un flusso maggiore di finanziamenti alle province per l’assistenza sanitaria in cambio di province e territori che accettano una serie di condizioni chiave. "Sono molto ottimista... c’è stato un cambio di approccio e un cambio di direzione nelle ultime settimane - ha detto Duclos - siamo fiduciosi che un nuovo accordo sarà raggiunto in tempo per il prossimo budget federale di primavera”.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.