Quarta dose prematura:
solo il 57% ha fatto la terza

di Marzio Pelu del July 6, 2022

TORONTO - Si parla già di quarta dose, quando ci sono ancora centinaia di migliaia di persone che devono farsi la terza. Omicron 5 e la sua infettività fanno paura e mettono "fretta", ma il direttore scientifico dell'Ontario Science Table, il dottor Fahad Razak, invita a tenere i piedi per terra. "Sebbene gran parte della conversazione in questo momento riguardi la quarta dose, per me scientificamente l'opportunità più chiara, la cosa che dovremmo fare - e non è una domanda sulla disponibilità, il vaccino è a nostra disposizione - è quella della terza dose", ha detto lunedì a CP24.

I suoi commenti arrivano proprio quando i partiti di opposizione in Ontario chiedono che la quarta dose venga estesa a tutti, nella provincia, come ha fatto il Quebec.

La terza dose è attualmente raccomandata in Ontario a tutti coloro che hanno compiuto i 12 anni, mentre la quarta dose è a disposizione di coloro che hanno più di 60 anni, nonché a tutti i maggiorenni di First Nations, Inuit o Métis. Ma secondo gli ultimi dati sulle vaccinazioni diffusi dalla Provincia, in Ontario solo il 57 per cento delle persone dai 12 anni in su ha ricevuto la terza dose, nonostante la diffusa disponibilità nella provincia.

“La terza dose è quella che ti dà una maggiore protezione non solo contro le infezioni, ma anche contro forme gravi della malattia", ha detto Razak. "C'è un gran numero di persone in Ontario, in questo momento, che può beneficiare di quella terza dose non ancora ricevuta".

L'Ontario ha iniziato a distribuire le terze dosi a novembre e ha ampliato l'idoneità a chiunque abbia compiuto 18 anni a fine dicembre. Tuttavia, l'assunzione della terza dose è stata deludente. Ma sarebbe importante farla, secondo Razak, perché "il virus ha dimostrato di essere un avversario davvero terribile per noi, ed è mutato: quello che sta circolando adesso è quasi irriconoscibile rispetto a ciò che abbiamo visto originariamente e contro il quale abbiamo sviluppato i vaccini. Ma i vaccini più recenti si stanno dimostrando promettenti nel fornire una migliore protezione contro gli ultimi ceppi del virus".

“Cosa accadrà in futuro - prosegue il dottore - non è molto chiaro. Fra le cose promettenti, ci sono i vaccini che vengono adattati e sviluppati contro le varianti che stanno circolando ora, al contrario di quanto avveniva due anni fa quando il virus era appena emerso, per la prima volta, dalla Cina", ha affermato Razak. "E quindi c'è la speranza che queste nuove generazioni di vaccini in particolare ci diano una protezione più duratura".

Nel frattempo, in vista dell'autunno, quando ci saranno altre malattie respiratorie in circolazione, secondo Razak "ha senso ottenere tutte le dosi per le quali si è idonei e continuare a prestare attenzione, utilizzando le mascherine in ambienti ad alto rischio per evitare infezioni".

Foto di fernando zhiminaicela da Pixabay

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.