CorrCan Media Group

L’Ontario riduce il deficit e Ford limita i tagli

L’Ontario riduce il deficit e Ford limita i tagli

TORONTO – Nel consueto aggiornamento autunnale sul bilancio per la provincia dell’Ontario, l’amministrazione Ford ha ieri giocato le sue carte per cercare di riconquistare parte della fiducia degli elettori, seriamente minata dai tagli che avevano contraddistinto i primi sedici mesi del suo mandato a Queen’s Park.

È stato il ministro delle finanze Rod Phillips – succeduto, lo scorso giugno, a Vic Fedeli – a tracciare la nuova strategia politica dell’amministrazione Ford in materia economica.

Il deficit dell’Ontario è oggi pari a 9 miliardi di dollari, con una riduzione di 1,3 miliardi di dollari rispetto al bilancio presentato lo scorso aprile.

Il governo Ford ha deciso di destinare questa somma ai trasporti, alla sanità pubblica ed all’istruzione.

680 milioni di dollari vengono destinati alla sanità ed in particolare agli ospedali di piccole o medie dimensioni.

Cento milioni di dollari sono diretti alle cure dentarie a vantaggio della popolazione più anziana.

174 milioni di dollari vanno invece a quelle strutture che si occupano della sanità mentale.

Per la cura e l’assistenza alle persone affette da autismo ed alle loro famiglie, l’amministrazione provinciale destina ulteriori 279 milioni di dollari, per un totale di 600 milioni.

All’istruzione – argomento piuttosto scottante in queste settimane di paventati scioperi nella scuola – il governo Ford destina ulteriori 200 milioni di dollari.

Un miliardo di dollari viene destinato alla creazione di nuovi spazi per gli asili nido ed all’assistenza all’infanzia.

28,5 miliardi di dollari (per i prossimi 10 anni) sono destinati ai trasporti pubblici ed alla rete metropolitana della GTA.

2,7 miliardi di dollari vanno alla manutenzione di strade ed autostrade.

Cala infine dell’8,7% la pressione fiscale per 275mila piccole imprese in tutto l’Ontario.

Giorgio Mitolo

More in Ontario