CorrCan Media Group

Legal Aid: meno fondi, meno servizi

Legal Aid: meno fondi, meno servizi

TORONTO – Le ripercussioni per i tagli operati dal governo si faranno sentire anche per Legal Aid Ontario.

Lo ha detto ieri senza mezzi termini il Ceo David Field: le riduzioni dei fondi da parte della provincia significherà che gli avvocati dell’agenzia smetteranno immediatamente di accettare la maggior parte dei nuovi clienti immigrati e rifugiati.

In una nota inviata da Field allo staff si legge che “la provincia ha comunicato all’agenzia che può utilizzare solo i fondi federali per coprire i servizi di assistenza a nuovi immigrati e rifugiati”.

La riduzione dei fondi è del 30% e sul piano pratico si tramuterà in 133 milioni di dollari in meno nel corso dell’anno fiscale. I finanziamenti federali ammontano a una somma oscillante tra 13 e i 16,5 milioni di dollari, ben al di sotto dei costi previsti da Legal Aid Ontario che si aggirano ogni anno tra 30 e 34 milioni di dollari.

Non si scompone di fronte a questa di¦ cile situazione il governo di Ford che attraverso un portavoce a. erma che “il governo federale dovrebbe adempiere alle proprie responsabilità nei confronti dei nuovi arrivati assumendosi i costi di questi casi”.

Field ha detto che l’agenzia onorerà i clienti che sono già stati accettati e aiuterà alcuni clienti extra in circostanze particolari. Tra i tanti tagli messi in atto da Doug Ford rientra anche – come annunciato nel budget – l’eliminazione del finanziamento ai fondi per aiuti dal punto di vista legale a favore di rifugiati e servizi previsti dalla legge sull’immigrazione.

Non si sono fatte attendere le critiche a questa mossa da parte degli avvocati dell’organizzazione che o. re molti programmi e servizi per aiutare le persone a basso reddito che necessitano di assistenza legale.

«Questa è una decimazione », hanno detto ancora increduli. La decisione presa adesso, ha spiegato Field, è una “misura provvisoria” in quanto presto saranno avviate consultazioni pubbliche al fine di trovare i modi migliori per far fronte al deficit finanziario.

«A breve daremo il via a consultazioni pubbliche su queste misure provvisorie e sui modi per ridurre i costi, fornendo al tempo stesso un servizio di alta qualità al maggior numero possibile di clienti – ha dichiarato Field – Le consultazioni oltre a fornire un feedback sulle misure provvisorie, ci aiuteranno anche a determinare quali servizi riprendere in caso di un aumento del finanziamento del governo federale per l’assistenza legale dei rifugiati in Ontario».

Il procuratore generale Caroline Mulroney ha delineato le modifiche al finanziamento in una lettera inviata a Field: in pratica la provincia si aspetta che il governo federale finanzi completamente i servizi legali relativi a immigrati e rifugiati per i casi che arrivano nei tribunali federali o nella corte federale.

Il portavoce della Mulroney Jesse Robichaud ha ribadito il concetto che a dire il vero non lascia spazio ad alcun dubbio. «Continuiamo a chiedere al governo Trudeau di provvedere ai nuovi arrivati in Ontario e di adempiere alle sue chiare responsabilità costituzionali », ha detto Robichaud.

More in Ontario