CorrCan Media Group

In Ontario scuola ancora sul piede di guerra

In Ontario scuola ancora sul piede di guerra

In Ontario scuola ancora sul piede di guerra

TORONTO – Un tiro alla fune che va oramai avanti da mesi quello che da una parte vede il mondo professionale della scuola – dal corpo docente, agli ausiliari, sino agli operatori scolastici – e dall’altra il governo dell’Ontario.

L’amministrazione Ford ed il suo ministro della pubblica istruzione, Stephen Lecce, sono da tempo alle prese con le rivendicazioni sindacali provenienti dall’universo scolastico, di ogni ordine e grado, dalle elementari alle superiori.

Oggi proprio negli istituti superiori della nostra provincia è in corso un’agitazione prevista nel corso di una sola giornata, da parte degli insegnanti aderenti all’OSSTF, ossia la federazione degli insegnanti della scuola secondaria dell’Ontario.

Sino alle 23.59 di ieri (e quando il Corriere Canadese era già andato in stampa) era previsto il prosieguo delle trattative – presso l’hotel Sheraton, al centro di Toronto – tra il sindacato di categoria e gli emissari del governo provinciale.

Alle 18 si è anche svolta una manifestazione, promossa dai sindacati e dalle associazioni di genitori, proprio davanti all’albergo in cui si svolgevano le trattative. A poche ore dalla scadenza, il sindacato dell’OSSTF affermava – per bocca del suo presidente, Harvey Bischof – che le due parti erano “ancora molto separate”.

“Continueremo a provare – ha proseguito Bischof – ma il governo (Ford, ndr) sembra fermo su posizioni distanti dalle nostre”. Dal canto suo, il ministro della pubblica istruzione, Stephen Lecce, ha ribattuto che “il governo è stato ragionevole, risultando l’unica parte – al tavolo delle trattative – che ha fatto delle concessioni”.

“Per 204 giorni consecutivi, i sindacati degli insegnanti non hanno fatto alcuna proposta al tavolo delle trattative” ha dichiarato il ministro Lecce. “Ogni singola entità al tavolo – ha proseguito – deve essere ragionevole.”

Eric Laberge, presidente del distretto 3 dell’OSSTF ha invece ribadito che “si tratta di un momento molto difficile per gli insegnanti dell’Ontario”.

La federazione degli insegnanti della scuola secondaria dell’Ontario è un sindacato che rappresenta 60.000 affiliati che operano in 896 istituti superiori della provincia.