Ford: “Persi 400mila posti di lavoro in Ontario”

di Giorgio Mitolo del April 10, 2020

TORONTO - Secondo Statistics Canada, la provincia dell’Ontario ha perso - nel mese di marzo - ben 402.800 posti di lavoro. Di questi, 119.600 sono i posti di lavoro persi nel settore alberghiero e della ristorazione, 87.600 nel commercio all’ingrosso e al dettaglio, 56.000 nell’assistenza sanitaria e sociale ed infine 32.000 posti di lavoro sono andati perduti - il mese scorso - nel settore manifatturiero. Di conseguenza, il tasso di disoccupazione in Ontario è cresciuto dal 5,5% al 7,6%.

È quindi cresciuto a 586.000 il numero delle persone rimaste disoccupate, con un aumento di 149.000 unità rispetto al mese di febbraio. La forza lavoro totale della provincia è così diminuita di 253.600 persone.

Nonostante la già gravissima pesantezza di queste cifre - davvero senza precedenti - sul prossimo futuro dell’economia dell’Ontario, esistono ulteriori preoccupazioni che questi numeri non riflettano ancora del tutto l’intera portata della crisi occupazionale provocata dalla pandemia di Covid-19 e dalle nuove norme per la sicurezza che hanno costretto alla chiusura migliaia e migliaia di attività commerciali e professionali nella provincia.

"Pensiamo che ci sarà un impatto molto più profondo, man mano che entriamo in aprile e vedremo il peso delle nuove normative sul distanziamento sociale" ha detto Pedro Antunes, capo economista del Board of Canada.

Il premier dell’Ontario, Doug Ford - durante il consueto briefing sulla pandemia di Covid-19, a Queen’s Park - ha ieri definito la perdita di posti di lavoro, avvenuta a marzo, come "un pugno allo stomaco" ed ha aggiunto che "le cose potrebbero peggiorare, ancor prima che possano migliorare".

Ford ha poi annunciato la creazione di un’apposita e speciale commissione per il recupero dell’occupazione in Ontario, progettata per aiutare l’economia della provincia a riprendersi dalla pandemia di coronavirus.

Il premier ha poi ricordato lo stanziamento di 52 milioni di dollari "destinati a sostenere le persone e le famiglie in crisi finanziaria, attraverso l’assistenza sociale. Questo finanziamento - ha sottolineato Ford - sosterrà coloro che non sono in grado di accedere all’assistenza federale (ossia il CERB, ndr) per coprire esigenze e necessità come quelle rappresentate dai costi alimentari, dall’aˆtto, sino all’acquisto di medicine ed il pagamento di altri servizi essenziali, durante questo periodo di profonda crisi economica".

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.